Più di 2.300 persone “in cella”, si chiude Extrema Ratio

carcerePiù di 2.300 persone in dieci giorni. E’ questo il bilancio più importante di Extrema Ratio, insieme al ruolo fondamentale giocato dai giovani del Liceo Crespi e dei Boy Scout.
Più di 2000 persone insomma si sono soffermate a dialogare con gli operatori, i ragazzi e un ragazzo ex detenuto su un tema “scomodo”. Si sono lasciati coinvolgere tutti i mondi della nostra Comunità: adolescenti, adulti, anziani, insegnanti, operatori sociali, politici, ex-detenuti, familiari di detenuti, agenti di polizia penitenziaria, “comparto ministeri”, volontari, giornalisti, artisti, … (La rassegna stampa)
Questa piccola esperienza dimostra ancora una volta che “L’insieme è più della somma delle sue parti“..

Da parte di tutte le persone che hanno partecipato a diverso titolo al progetto “Non solo accoglienza” vi ringraziamo per il supporto e la vostra partecipazione.

Pubblicato in attività educative, busto arsizio, carcere, cariplo, casa onesimo, enaip lombardia, exodus, intrecci, lavoro, Polizia Penitenziaria, progetto, sovraffollamento, varese, volgiter | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Il jazz di max De Aloe in 8mq

L’iniziativa: Max De Aloe suona in 8m² 

Pubblicato in attività educative, busto arsizio, carcere, casa onesimo, enaip lombardia, exodus, intrecci, lavoro, Polizia Penitenziaria, progetto, Senza categoria, sovraffollamento, varese, volgiter | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Anche il jazz di Max De Aloe “in cella”: Live in 8m²

max de aloe foto di Marina MagriChiudere un musicista in una cella detentiva con il proprio strumento e un piccolo numero di persone a fare da pubblico. Questa è  live in 8m² , l’ulteriore sfida del progetto Extrema Ratio che vuole puntare anche sul binomio di arte ed impegno sociale, che da sempre hanno trovato grandi affinità e sostegno reciproco.
Infatti dal 22 novembre fino all’1 dicembre a Palazzo Marliani Cicogna (piazza Vittorio Emanuele) di Busto Arsizio è stata posizionata un’istallazione forte e folle: la riproduzione fedele di una cella di un carcere di 8 metri quadrati dove il pubblico può farsi rinchiudere per cinque minuti.  Nei primi tre giorni sono state oltre 250 le persone che si sono fatte “incarcerare” dai ragazzi del Liceo Crespi e dei Boy scout. (La rassegna stampa)
Mercoledì 27 novembre, dalle 14.30 alle 16.30, Extrema Ratio aggiunge un’ulteriore provocazione ospitando uno dei musicisti più atipici della scena jazz italiana, Max De Aloe, che realizzerà live in 8m² , dei piccoli set di concerto all’interno della cella stessa.
Max De Aloe è stato invitato non solo perché è un virtuoso polistrumentista e uno tra i più accreditati armonicisti jazz in ambito europeo ma anche perché nasce proprio a Busto Arsizio (proprio in questi giorni esce “Mutamenti”). E non è un caso che questo progetto prenda forma a Busto Arsizio, dove esiste un’importante casa circondariale che ospita più di 400 detenuti, pur essendo strutturata per averne 170. L’iniziativa è organizzata da Enaip Lombardia insieme ad Associazione Vol.Gi.Ter, Cooperativa Intrecci, Fondazione Exodus e Fondazione Cariplo. Tra i promotori troviamo la Casa Circondariale di Busto Arsizio, l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Varese, il Comune di Busto Arsizio, il Liceo Crespi e Agesci sempre di Busto Arsizio.
«Live in 8m² è un’ulteriore occasione per fare musica che abbia in sé anche un alto valore simbolico e di sensibilizzazione – spiega Max De Aloe -. Sono onorato di questo invito che prosegue un progetto già realizzato un paio di anni fa per portare la didattica della musica all’interno della casa circondariale di Busto Arsizio. Onorato anche di contribuire con la mia musica far riflettere sulle condizioni spesso inumane di sovraffollamento in cui versano le carceri italiane e di scarsa capacità alla reale riabilitazione del detenuto».

Orari per visitare l’installazione:
Da venerdì 22 novembre a domenica 1 dicembre
Lu-Ve 9.30/16.30
Sa-Do: 10.30/17.30

Pubblicato in attività educative, busto arsizio, carcere, cariplo, casa onesimo, enaip lombardia, exodus, intrecci, lavoro, Polizia Penitenziaria, progetto, sovraffollamento, varese, volgiter | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

5 minuti in cella: ecco come l’hanno raccontata i giornali

carcereLe impronte, le foto e poi l’ingresso in cella. E li si viene rinchiusi per cinque minuti. Siete pronti alla sfida? L’installazione resterà in centro a Busto Arsizio (Palazzo Marliani Cicogna, piazza Vittorio Veneto) fino all’1 dicembre.
Orari per visitare l’installazione:
Da venerdì 22 novembre a domenica 1 dicembre
Lu-Ve 9.30/16.30
Sa-Do: 10.30/17.30

Ecco come è stata raccontata dalla stampa:
Cinque minuti in cella per provare la vita in carcere (Video – Repubblica)
Cinque minuti in cella per capire l’effetto che fa (Repubblica)
Al “fresco” per cinque minuti: la cella è in centro città (Varesenews)
Vivere in cella, si sperimenta a Palazzo Cicogna (Prealpina)
Una cella in centro a Busto Arsizio: 5 minuti da detenuto-sardina (Inform@zione On line)
Pronti a vivere 5 minuti in cella? “extrema ratio” a Busto Arsizio (Legnano News)
Il servizio del Tg3 Lombardia (edizione 19.30, 24 novembre, min. 11.00)
Il carcere di Busto Arsizio sopra la soglia dei 400 detenuti (Il Giorno)
Cinque minuti da detenuti: la “sfida” da venerdì a Busto Arsizio per il progetto Extrema Ratio (Varese7Press)
Anche il jazz di Max De Aloe “5 minuti in cella” (L’Impronta)
Chiusi in cella, per capire cosa prova un detenuto. E suonare del jazz (Redattore Sociale)
Busto e la condizione carceraria: dopo la mostra sui detenuti del liceo Crespi, ora “Extrema Ratio” con Enaip (Assesempione.info)

Pubblicato in attività educative, busto arsizio, carcere, cariplo, casa onesimo, enaip lombardia, exodus, intrecci, lavoro, Polizia Penitenziaria, progetto, Senza categoria, sovraffollamento, varese, volgiter | 1 commento

5 minuti in cella: accettate la “sfida”?

extremaratioTre persone, otto metri quadrati, tre letti uno sopra l’altro. No, non è un gioco di gruppo, ma la vita quotidiana dei detenuti in Italia. A questa “regola” non sfuggono neanche le oltre 400 persone della Casa Circondariale di Busto Arsizio. E voi, sareste in grado resistere in quella condizione per cinque minuti?
È questa la “sfida”, se così possiamo chiamarla, che i cittadini potranno affrontare dal 22 novembre all’1 dicembre a Palazzo Marliani Cicogna (piazza Vittorio Emanuele) a Busto Arsizio grazie al progetto ExtremaRatio. Qui sarà infatti riprodotta fedelmente una cella di 8 metri quadri: si tratta dell’installazione creata nel carcere di Bollate e di proprietà della Caritas Ambrosiana. Ad accogliere i visitatori ci saranno giovani studenti del Liceo Crespi di Busto e dei gruppi Agesci di Busto (Busto 1, Busto 3; Busto 5; Legnano 9). Con loro ci saranno un operatore e un ex-detenuto, mentre la Protezione Civile di Busto Arsizio offrirà un supporto logistico.
L’iniziativa è organizzata Enaip Lombardia insieme ad Associazione Vol.Gi.Ter, Cooperativa Intrecci, Fondazione Exodus e Fondazione Cariplo. «La nostra intenzione – spiegano – è quella di “chiudere” la gente in una cella per alcuni minuti dando l’occasione di fermarsi e riflettere sulla condizione carceraria nazionale. Vogliamo suggerire e approfondire la possibilità di una diversa concezione della pena, denunciando il sovraffollamento nelle carceri e sostenendo percorsi di umanizzazione e di sostegno ad attività rieducative che tengano al centro la dignità della persona».

ExtremaRatio fa parte degli eventi conclusivi del progetto “Non solo accoglienza” organizzato grazie alcontributo di Cariplo. Nella mattina di venerdì 22 novembre ci sarà anche un convegno organizzato dagli stessi partner ai Molini Marzoli. Tema dell’incontro sarà l’affettività e in particolare “L’anello invisibile. Il ruolo della partner a sostegno del percorso di reinserimento del detenuto”. «La donna fuori dalle mura – spiegano gli organizzatori – è l’anello invisibile di una catena che regge il carico affettivo e sociale di una storia famigliare e spesso risulta determinate sull’esito del percorso di reinserimento. In questo convegno ci domanderemo se e come il nostro operare può essere orientato al sostegno di questo caregiver di difficile ingaggio». Il convegno è in programma venerdì 22 novembre dalle 9.30 alle 13 alla Sala Tramogge, Molini Marzoli via Molino, 2 (angolo via Cadorna). I due eventi sono organizzati con il supporto del Comune di Busto Arsizio, del Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria per la Lombardia, della Direzione della Casa Circondariale di Busto Arsizio e della Direzione Ufficio Esecuzione Penale Esterna sede di Varese.

Il programma del convegno di venerdì 22 novembre, ore 9.30

Orari per visitare l’installazione:
Da venerdì 22 novembre a domenica 1 dicembre
Lu-Ve 9.30/16.30
Sa-Do: 10.30/17.30

Pubblicato in attività educative, busto arsizio, carcere, cariplo, casa onesimo, enaip lombardia, exodus, intrecci, lavoro, Polizia Penitenziaria, progetto, sovraffollamento, varese, volgiter | Contrassegnato , , , , , , , , | 5 commenti

L’anello invisibile: il ruolo della partner

L’anello invisibile – Il ruolo della partner a sostegno del percorso di reinserimento sociale del detenuto“: è questo il titolo del convegno in programma venerdì 22 novembre dalle 9.30 alle 13 alla Sala Tramogge dei Molini Marzoli a Busto Arsizio
L’incontro rappresenta la tappa finale del progetto “Non solo accoglienza” che vi abbiamo raccontato in questi tre anni.

Ecco il programma (qui in Pdf):

programma_convegno

Pubblicato in attività educative, busto arsizio, carcere, cariplo, casa onesimo, enaip lombardia, exodus, intrecci, lavoro, Polizia Penitenziaria, progetto, sovraffollamento, volgiter | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

“Il carcere di Varese non va chiuso”

Da tempo è in atto un dibattito sulla chiusura (o meno) del carcere di Varese. Ecco l’ultimo aggiornamento sulla situazione da un articolo di Varesenews: “Il carcere di Varese non va chiuso”

 

Pubblicato in carcere, varese | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Carcere e Comune insieme per dare un lavoro ai detenuti

Momento importante oggi alla Casa Circondariale di Busto Arsizio: il sindaco Gigi Farioli e e l’assessore alle Politiche sociali Ivo Azzimonti  hanno infatti incontrato il direttore della Casa Circondariale di Busto Arsizio, Orazio Sorrentini.
E’ nata infatti in queste ultime settimane la collaborazione per un progetto sperimentale di reinserimento lavorativo dedicato ai detenuti, realizzato in collaborazione con la Casa Circondariale e il Consorzio Sol.Co. Varese. Il progetto offrirà a uno o due detenuti, selezionati tra quelli che ne avranno i requisiti, l’opportunità di lavorare per l’Amministrazione.
La collaborazione tra due strutture pubbliche, facenti tra l’altro parte dello stesso territorio, quali sono appunto il Comune e la Casa Circondariale di Busto Arsizio, consente di dare concreta attuazione al disposto costituzionale dell’art. 27, in ragione del quale la pena deve tendere alla rieducazione del condannato. Lo svolgimento di attività lavorative extramurarie da parte di soggetti in stato di detenzione in favore della comunità locale, scopo che i due enti pubblici intendono raggiungere, può inoltre contribuire a migliorare la sicurezza della comunità medesima, un bene fondamentale e alla cui tutela le Amministrazioni Comunali sono, ovviamente, molto sensibili e attente.

IL PROGETTO COMPLETO

Pubblicato in attività educative, carcere, lavoro | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Anche una pensilina fa la differenza

Fino a ieri dovevano aspettare in piedi sotto sole, pioggia o neve. Ma anche un piccolo (e per alcuni scontato) gesto può migliorare un momento delicato come quello della visita a un parente in carcere. Oggi è stata infatti istallata una pensilina destinata ai familiari in attesa dei colloqui con persone detenute nel carcere di Busto Arsizio.
Si tratta di un’iniziativa promossa dal direttore della Casa Circondariale Orazio Sorrentini e dell’area educativa con Valentina Settineri.
L’obiettivo è quello di rendere meno disagevole l’attesa di chi raggiunge il carcere con mezzi pubblici e che quindi in caso di maltempo ha difficoltà nel ripararsi. Anche la fermata del bus davanti al carcere era stata inserita nel 2005 nel percorso dei mezzi di Agesp proprio per rendere meno disagevole il tragitto verso l’istituto.
L’intervento è a favore in particolare dei “più piccoli” infatti è stato realizzato nell’ambito di un progetto di sostegno alla genitorialità. La gestione di questa attività è stata gestita dagli agenti di rete Sabrina Gaiera e Sergio Preite (Consorzio Solco ed Enaip).

Pubblicato in busto arsizio, carcere, Polizia Penitenziaria, sovraffollamento | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Le “dolci evasioni” di Busto

Da Varesenews, a cura di Orlando Mastrillo

Le hanno chiamate “Dolci Libertà” e sono le creazioni dei pasticceri del carcere di Busto Arsizio che da due anni ospita un laboratorio di cioccolateria che sforna ogni sorta di leccornia a base di cacao e non solo. Questa mattina, giovedì, il direttore della casa circondariale Orazio Sorrentini ha voluto aprire alla stampa le porte del laboratorio, in collaborazione con il consorzio Sol.Co. che da tempo collabora con la struttura di via per Cassano nell’ambito del reinserimento lavorativo.

>>>>> LE FOTO

I pasticceri all’opera attualmente nel laboratorio sono tra i 20 e i 30, in base anche alle richieste esterne. I prodotti della cioccolateria del carcere, infatti, vengono distribuiti in tutta Italia e hanno vinto diversi premi e menzioni speciali. A confermare l’alto livello della gamma dei prodotti ci ha pensato un’assaggiatrice che questa mattina era presente in laboratorio e che ha definito i prodotti a base di cioccolato tra i migliori in Italia. Un riconoscimento per i detenuti che si impegnano, anche per chi ha permesso la realizzazione del laboratorio e per chi ha creduto investendo nei macchinari (l’associazione Sport e spettacolo holding).

«I dati certificano che le attività lavorative svolte all’interno del carcere hanno una grande funzione nell’abbassamento della percentuale di reiterazione dei reati, una volta che si esce dal carcere – spiega il direttore Orazio Sorrentini – va considerato che esiste anche una percentuale di reati oscuri (quelli che non sono stati ancora scoperti o che non avranno mai un colpevole, ndr) ma la tendenza di chi esce da qui con una professionalità è quella di reintegrarsi in maniera meno traumatica nella società civile». In un caso, addirittura, un ex-detenuto di Busto ha aperto una pasticceria nel suo paese, in Colombia. Barbara Trebbi di Sol.Co: «In un momento di scarsità di fondi come quello attuale questo laboratorio è un piccolo miracolo – spiega – come consorzio abbiamo attivato una serie di percorsi per il reinserimento lavorativo per riuscire a proporre tirocini e stage in esterno per dare quel supporto iniziale che permette di iniziare una nuova vita».

Pubblicato in busto arsizio, carcere | Contrassegnato , , | Lascia un commento