Platone: “così muore la democrazia, prima che nel sangue nel ridicolo »

1980-79  IL FUNZIONARIO CON IL DITO IN BOCCA, cm29x21Atene 370 A.C. –
Quando la città retta a democrazia si ubriaca di libertà confondendola con la licenza, con l’aiuto di cattivi coppieri costretti a comprarsi l’immunità con dosi sempre massicce d’indulgenza verso ogni sorta di illegalità e di soperchieria;

quando questa città si copre di fango accettando di farsi serva di uomini di fango per potere continuare a vivere e ad ingrassare nel fango; quando il padre si abbassa al livello del figlio e si mette, bamboleggiando, a copiarlo perché ha paura del figlio; quando il figlio si mette alla pari del padre e, lungi da rispettarlo, impara a disprezzarlo per la sua pavidità;

sergio-michilini.jpg

Sergio Michilini, 1980, BARCA DI MATTI cm70x100

quando il cittadino accetta che, di dovunque venga, chiunque gli capiti in casa, possa acquistarvi gli stessi diritti di chi l’ha costruita e ci è nato; quando i capi tollerano tutto questo per guadagnare voti e consensi in nome di una libertà che divora e corrompe ogni regola ed ordine; c’è da meravigliarsi che l’arbitrio si estenda a tutto e che dappertutto nasca l’anarchia e penetri nelle dimore private e perfino nelle stalle?

sergio-michilini.jpg

Sergio Michilini, 1980, CARNEVALE, collage, cm.50×35

In un ambiente siffatto, in cui il maestro teme ed adula gli scolari e gli scolari non tengono in alcun conto i maestri; in cui tutto si mescola e si confonde; in cui chi comanda finge, per comandare sempre di più, di mettersi al servizio di chi è comandato e ne lusinga, per sfruttarli, tutti i vizi; in cui i rapporti tra gli uni e gli altri sono regolati soltanto dalle reciproche convenienze nelle reciproche tolleranze; in cui la demagogia dell’uguaglianza rende impraticabile qualsiasi selezione, ed anzi costringe tutti a misurare il passo delle gambe su chi le ha più corte;

sergio-michilini.jpg

Sergio Michilini, 1980- GENERAZIONI CAPITAL, cm.38×59

in cui l’unico rimedio contro il favoritismo consiste nella molteplicità e moltiplicazione dei favori; in cui tutto è concesso a tutti in modo che tutti
ne diventino complici; in un ambiente siffatto, quando raggiunge il culmine dell’anarchia e nessuno è più sicuro di nulla e nessuno è più padrone di qualcosa perché tutti lo sono, anche del suo letto e della sua madia a parità di diritti con lui e i rifiuti si ammonticchiano per le strade perché nessuno può comandare a nessuno di sgombrarli; in un ambiente siffatto, dico, pensi tu che il cittadino accorrerebbe a difendere la libertà, quella libertà, dal pericolo dell’autoritarismo?

sergio-michilini.jpg

Sergio Michilini, 1980, IL POLITOLOGO, collage, cm.49×34

Ecco, secondo me, come nascono le dittature.
Esse hanno due madri.
Una è l’oligarchia quando degenera, per le sue lotte interne, in satrapia.
L’altra è la democrazia quando, per sete di libertà e per l’inettitudine dei suoi capi,
precipita nella corruzione e nella paralisi.
Allora la gente si separa da coloro cui fa la colpa di averla condotta a tale disastro e si prepara a rinnegarla prima coi sarcasmi, poi con la violenza che della dittatura è
pronuba e levatrice.
Così la democrazia muore: per abuso di se stessa.
E prima che nel sangue, nel ridicolo .

Tratto da: Platone, La Repubblica – Cap. VIII.

sergiio-michilini.jpg

Sergio Michilini, 1980, TENAGLIE, cm.50×35

9 pensieri su “Platone: “così muore la democrazia, prima che nel sangue nel ridicolo »

  1. Mi potrebbe dire a che paragrafo corrisponde questa traduzione? “Così la democrazia muore: per abuso di se stessa. E prima che nel sangue, nel ridicolo .

    Grazie per aver condiviso …tutti dovrebbero leggere Platone

  2. Da inviare il tutto, così, “sic et simpliciter”, ai nostri amati amministratori.
    Altro che a perder del tempo: che comincino a pensare a se stessi. E che comincino a voltarsi ogni tanto per vedere chi segue la loro ombra…
    Si ricordino,lor signori, che tira oggi e tira domani, prima o poi la corda si spezza!

  3. Sembra quasi che Platone abbia visto al suo tempo una situazione sociale molto simile alla nostra dove chi vuole difendere la propria patria viene trattato come fosse un imbecille e tutto ciò che è contrario alla legge e al buon costume (immigrazione clandestina, omosessualitá e aborto) viene spacciato per progresso.

  4. Quale insegnamento da questo incredibile testo?
    Che l’umanità è destinata a ripetere all’infinito le stesse meschine situazioni,
    e chi si oppone diventa un povero pazzo destinato all’isolamento ed allo sberleffo. Ma nel frattempo siamo diventati 7,5 miliardi, 9 nel 2050, amplificando degrado, ingiustizie e distruzioni.
    Il nostro tempo su questa martoriata terra sta finendo

  5. Vittorio, …tutti dovrebbero leggere Platone, se lo facessi anche tu ti accorgeresti che non ha mai scritto le parole qui riportate ed attribuitegli. Ti stanno prendendo per il culo. Spiace dirtelo ma è così. Ma non fidarti di me, vai in libreria o in biblioteca domani e sfoglia tu stesso le pagine.

  6. Il potere quando diventa nocivo per il popolo vá affossato. Senza indugio alcuno. Il pronlema é sempre il potere e non l’ anarchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *