Antonio Luigi Gajoni in Toscana 1940-1966

584 0 - Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.4, 1952Antonio Luigi Gajoni è nato a Milano nel 1889 e morto a S.Miniato (Pisa) nel 1966.
Eccellente pittore, nonché uomo modestissimo, ha sviluppato la sua attività artistica in tre fasi distinte: fino al 1928 in Lombardia, da quell’anno fino al 1940 a Parigi e poi, fino alla morte, in Toscana. In questo post presentiamo alcuni dei suoi preziosi affreschi realizzati nelle chiese toscane di Perignano, Casciana, Montopoli e Chianni

….”Tornato in Italia dopo la guerra infausta, stabilitosi per ragioni familiari a S.Miniato di Pisa, il Gajoni non ha fatto che riprendere barattoli, pennelli e pennellesse, ficcarsi mitria di carta in testa, salire scalette e, appollaiato su impalcature e ponti, a testa rovesciata indietro, dall’alba al tramonto affrescare, affrescare: chiese soprattutto, naturalmente….

Perignano, Chiesa S.Lucia , abside, particolare 1941-42

Perignano, Chiesa S.Lucia , abside, particolare 1941-42

….. La sua fama quale Maestro eccellente di pittura sacra si è estesa a giusto titolo. Negli stessi ambienti religiosi si è rimasti ammirati per la ricchezza di fantasia del Gajoni, la sua straordinaria capacità di composizione che non teme di adunare, su cupole absidi frontoni, moltitudini di figure, la sua modernità originale ma sensata e robusta, la sua freschezza di accordi che portano sul muro tutta la gioia dei colori creati da Dio……..diceva di lui il Maestro Filippo De Pisis:” In Gajoni ci piace una sorta di pacata e nobile dolcezza, sia pure nel carattere eroico delle sue composizioni. Ciò è forse il segreto della sua arte…..Nel suo colore, allontanandosi da certe durezze, come dire? Novecentiste, ha acquistato sempre più in sonorità e finezza”…..(Manlio Sereni, Realtà Giugno 1956)

Perignano, Chiesa S.Lucia 1941-42

Perignano, Chiesa S.Lucia 1941-42

Perignano, Chiesa S.Lucia catino absidale 1941-42

Perignano, Chiesa S.Lucia catino absidale 1941-42

….”Roger Féral ha voluto definire Gajoni Rubens moderno. Si potrebbe accettare questa definizione, ma solo pensando ad un Rubens latino, che abbia perduta tutta la truculenta fiamminga, per rivestire di una azzurra veste di primitivi la interpretazione delle sue idee”…..(Giorgio Di Genova, Maestri Storici, terzo Tomo)

Casciana Terme, Chiesa S.Martino 1945-46

Casciana Terme, Chiesa S.Martino 1945-46

Casciana Terme, Chiesa S.Martino, particolare 1945-46

Casciana Terme, Chiesa S.Martino, particolare 1945-46

Casciana Terme, S.Martino, controfacciata, Ultima Cena

Casciana Terme, S.Martino, controfacciata, Ultima Cena

Casciana Terme, S.Martino, controfacciata, Ultima Cena, particolare

Casciana Terme, S.Martino, controfacciata, Ultima Cena, particolare

..…”La pittura di Gajoni nasce da un pretesto, da un’idea qualsiasi che in simbiosi contiene sia il contenuto che il fatto pittorico, e sarà attraverso quest’ultimo che si otterrà il superamento di entrambi fino ad arrivare al senso. Il suo vero è un vero astratto, non oggettivo, cioè nella sua opera ci sono i concetti della pittura astratta senza che ci sia peró dell’astrattismo.. Ogni cosa è riportata per la sua forma collegata al suo senso…” (Gianfranco Tognarelli, “A.L.Gajoni, Tesi d’esame della Accademia di Belle Arti di Firenze”,1973)

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, soffitto altare, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, soffitto altare, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, soffitto altare, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, soffitto altare, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, soffitto altare, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, soffitto altare, 1952

Montopoli, Chiesa SS.Stefano e Giovanni Evangelista,1952

Montopoli, Chiesa SS.Stefano e Giovanni Evangelista,1952

Montopoli, Chiesa SS.Stefano e Giovanni Evangelista, particolare 1952

Montopoli, Chiesa SS.Stefano e Giovanni Evangelista, particolare 1952

Montopoli, Chiesa SS.Stefano e Giovanni Evangelista, particolare 1952

Montopoli, Chiesa SS.Stefano e Giovanni Evangelista, particolare 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.1, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.1, 1952

584 3b - Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.2, 1952

584 3b – Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.2, 1952

 

Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.3, 1952

Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.3, 1952

Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.4, 1952

Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Il Figliol Prodigo n.4, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Altare a sinistra, San Giuseppe, 1952

Montopoli, Chiesa S.Stefano e S. Giov. Evangelista, Altare a sinistra, San Giuseppe, 1952

Chianni,Chiesa di San Donato,particolare

Chianni,Chiesa di San Donato,particolare

Chianni,Chiesa San Donato, Catino Absidale, particolare

Chianni,Chiesa San Donato, Catino Absidale, particolare

Chianni,Chiesa di San Donato, Catino Absidale, Tempera all'uovo, 1964-65

Chianni,Chiesa di San Donato, Catino Absidale, Tempera all’uovo, 1964-65

Chianni,Chiesa di San Donato, Catino Absidale, Tempera all'uovo, 1964-65

Chianni,Chiesa di San Donato, Catino Absidale, Tempera all’uovo, 1964-65

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *