Perchè l’arte moderna non si capisce

orozco.jpg“Perchè l’Arte moderna non si capisce” è un libro inedito di Alessandro Querci. Non ho capito perchè sia rimasto inedito e nessun editore lo abbia finora pubblicato. Per quanto mi riguarda l’ho trovato interessante e utile, scritto con semplicità e pertanto accessibile a tutti. Sono riflessioni oneste, basate su di una consolidata esperienza e su di un vasto panorama di conoscenze, di un professionista che ha operato a Firenze e in Toscana, cioè nei territori privilegiati delle Belle Arti.

Continua a leggere

Italia: Dittatura nell’Arte e arte della Dittatura

michilini.jpgQuando in Italia si parla di Dittature si pensa subito a Mussolini, Hitler, Stalin…e quando si parla dell’Arte dei regimi dittatoriali si pensa subito alla mancanza di libertà di creare e a quella di usufruire della Bellezza. Ma le cose probabilmente non stanno proprio così, in bianco e nero.

Continua a leggere

Arte contemporanea? No, grazie!…riflessioni di Maurizio Pallante

“SONO IO CHE NON CAPISCO – Riflessioni sull’arte contemporanea di un obiettore alla crescita”, è l’ultimo libro di Maurizio Pallante, fondatore e presidente del Movimento per la Decrescita Felice. Un nuovo contributo sicuramente prezioso per iniziare finalmente ad uscire dall’incubo chiamato “Sistema dell’Arte Contemporanea”… Continua a leggere

“Arte Contemporanea” problema risolto!

L’uovo di Colombo!…..grazie alla ormai lunga ed emozionante corrispondenza virtuale con il virtuale amico Alessandro Querci, che tutti voi potete leggere in questa CATEGORIA de LA BOTTEGA DEL PITTORE mi pare di poter arrivare a una possibile conclusione: non è “contro” ma è “ALTRO” la soluzione del problema: i LINGUAGGI dell’Arte sono TUTTI necessari ma sono DIVERSI e hanno bisogno di ambiti DIVERSI per crescere e per costruire CIVILTA’!
Continua a leggere

Vittorio Sgarbi e l’arte di oggi

Ero un appassionato lettore dei primi libri di Sgarbi, poi, nauseato dalle sue buffonate pubbliche, ho preferito ignorarlo. Sono passati decenni e l’altro giorno un amico mi ha regalato l’ultimo suo libro: “L’arte contemporanea, ovvero l’arte di vedere l’arte”, che ho letto in un paio di ore.
Continua a leggere

Alessandro Querci “La fine dell’arte2: Arte e Potere”

Secondo Post di Alessandro Querci.  A differenza delle ipotesi sulla cosidetta “arte contemporanea” sostenute da questo Blog, Alessandro asserisce che non succede “niente di nuovo sotto il cielo” a proposito dei mecenati e centri di Potere della Storia e di oggi…e del loro rapporto con gli artisti di ieri e quelli “contemporanei“: un Post intenso e fatto per ragionare….e quindi grazie all’autore per questa nuova collaborazione.

Continua a leggere

Alessandro Querci “La fine dell’arte1: la scontentezza, il glorioso passato e altre storie”

In questo periodo mi sento ALLEGRO: finalmente posso pubblicare una collaborazione seria, profonda, articolata e motivata in difesa dell’Arte Contemporanea. E’ stata scritta da Alessandro Querci e mi pare valida innanzitutto per la pacatezza della riflessione, poi per la volontà di trovare alternative possibili e principalmente per la disponibilità al dialogo (tutte cose normalmente indigeste al SISTEMA arte contemporanea). Invito pertanto appassionatamente i lettori di questo Post ad animarsi per scrivere, in fondo, un loro commento.

Continua a leggere

Abolire la definizione “Contemporanea” dai Musei italiani di Arte

Ormai è uno TZUNAMI quello che si sta alzando contro il sistema mafioso chiamato “ARTE CONTEMPORANEA” che ha inquinato tutto con bugie, falsità, truffe, ipocrisia, ciarlataneria, inganni e usura. Adesso protesta anche JULIAN SPALDING, ex direttore dei musei di arte contemporanea di Glasgow, Manchester e Sheffield per una mostra di Damien Hirst alla Tate Modern Gallery di Londra.

Continua a leggere

L’industria delle patacche milionarie

Quando il sole della cultura è basso all’orizzonte, anche i nani proiettano lunghe ombre. Con questa frase dello scrittore satirico austriaco Karl Kraus inizia il bellissimo e ultimo libro di Jean Clair “L’INVERNO DELLA CULTURA”.
La cosidetta “Arte Contemporanea” è una industria di “artisti” nani, che producono opere “tecnicamente nulle”, cioè prive di alcun valore estetico….praticamente aria fritta.

Continua a leggere

Arte di Crescita o di Decrescita?

Mentre il Governo e le Banche (o il Governo delle Banche) insistono nella paradossale linea della CRESCITA, nella pianura c’è chi pensa che bisogna invece cambiare totalmente cammino per costruire futuro. Tra questi c’è il MOVIMENTO PER LA DECRESCITA FELICE di Torino, che il 6 Dicembre scorso ha promosso un interessantissimo Seminario intitolato “ Decrescita e arte”.

Continua a leggere

Biennial Art Fair For Emergent Contemporary Art

…. oh yes!
Nel marzo 2012 una kunStart emergente a BOLZANO con il nuovo titolo di “Biennial Art Fair For Emergent Contemporary Art….oh yes!
Con staff rinnovato e cadenza biennale, direttamente alla Fiera Bolzano S.p.A., che si riposiziona come fiera orientata al contemporaneo emergente….oh yes!
Con stand ‘all inclusive’ e award per i nuovi talenti….oh yes!
Consultare www.glocalrookie.it : “The Glocal Rookie of the Year”…..oh yes!

Continua a leggere

ArtVerona 2011, VII edizione

Giovedì 6 ottobre apre la VII edizione di “ArtVerona”, uno degli eventi più importanti del “SISTEMA italiano dell’Arte Contemporanea”, inaugurando di fatto la stagione delle  fiere di “Arte Contemporanea”.

IMMAGINE SIMBOLO della VII edizione di ArtVerona è il CAPOLAVORO DI PAOLO VERONESE “LA CENA DEL GIOVEDI’ SANTO” DELLA PINACOTECA DI BRERA A MILANO.

Continua a leggere

I tre periodi dell’Arte Contemporanea

In 100 anni le tre opere determinanti  dei tre periodi dell’Arte Contemporanea:
– 1917/1960 – Marcel Duchamp, “Orinatoio” (Fontana), ready – made on marble, altezza cm.62,5 , Collezione privata – private collection
– 1961/2010 – Piero Manzoni, “Merda d’artista”, scatoletta di latta, carta stampata e feci, cm 4,8×6 , Museo del Novecento, Milano
– 2011/futuro – Sergio Michilini, “Escusado de artista” (Latrina d’artista), installazione d’uso pubblico, cm197x86x92, Collezione comunale, Papaturro,Los Guatusos, Nicaragua

Continua a leggere

ROBERT STORR…che peccato!

9788876446405gNon mi pare un libro …“per chi viaggia in direzione ostinata e contraria col suo marchio speciale di speciale disperazione”.

Anzi, è un saggio che naviga perfettamente in sintonia sulle onde della corrente globale e il titolo mi sembra abbastanza usurpato dalla antologia postuma di Fabrizio De André (che è un artista con un percorso umano davvero controcorrente e mai conformista).
Continua a leggere

VIVA LA GUERRA

Come dicevamo in articoli precedenti, è in corso una aggressione globale al LAVORO.
00000000000000L’orgoglioso e poetico “LAVORARE STANCA”, nella percezione predominante è sostituito da un forte disprezzo per il LAVORO, direttamente proporzionale alla ammirazione per l’USURA e per il guadagno facile.
L’egemone fenomeno finanziario mondiale dimostra che i soldi si fanno con i soldi e non con il LAVORO.
Abbiamo anche visto che la cosidetta “ARTE CONTEMPORANEA” ha fatto uscire il LAVORO dalla creazione artistica, teorizzando che le opere sono concetti che nascono da altri concetti.
E ultimamente stiamo assistendo al ritorno del colonialismo come metodo per mantenere i livelli di abbondanza e spreco dei paesi ricchi. Continua a leggere