Finalmente liberata la Teologia della Liberazione

Pare che sia finalmente finita la trágica ossessione del Vaticano contro la Teologia della Liberazione. Una ossessione che in America Latina ha prodotto sofferenze infinite e brutali genocidi negli ultimi decenni…..una storia tragica che ha allontanato milioni di fedeli dalla Chiesa Cattolica.

Continua a leggere

Giulio Girardi ci ha lasciati

Il caro amico teologo, filosofo, salesiano, scrittore e docente universitario GIULIO GIRARDI ci ha lasciati per sempre l’altro giorno a Roma.
E’ stato un uomo che ha lottato SEMPRE accanto agli ultimi, ai poveri, agli indios, agli oppressi, rischiando, schierandosi, elaborando sintesi ed indicando cammini. Credo che la umanità intera e la nostra Madre Terra abbiano perso, con Giulio Girardi, uno dei più conseguenti e strenui difensori della vita e della giustizia sociale. Sono giorni tristi, molto tristi, questi che portano il peso della partenza di persone così tanto amate da milioni di persone.

Continua a leggere

Credo nel Dio…

L’amico Stefano Ferrario in facebook ci segnala questa bella pagina che non conoscevo, è di Frei Betto, frate domenicano brasiliano, teologo e scrittore.

E’ una dichiarazione di fede davvero commovente e suppongo condivisibile da tutti: credenti, non credenti, atei, agnostici, scettici e indifferenti……:

il mondo così sarebbe davvero bello…e sono anche convinto che Lui ne sarebbe sommamente felice.

Continua a leggere

Padre Miguel D’Escoto Brockmann, 50 anni di sacerdozio

Sabato 11 di Giugno 2011 . Una commovente “Misa Campesina Nicaragüense” è stata celebrata nella Chiesa “Nuestra Señora de La Merced” del Barrio Larreynaga a Managua, Nicaragua , per commemorare i 50 anni della ordinazione sacerdotale del Padre Miguel D’Escoto Brockmann. Alla Celebrazione Eucaristica da parte di vari sacerdoti della “Teologia della Liberazione” erano presenti familiari e amici del Padre Miguel D’Escoto e varie personalità del Governo Nicaraguense.

Continua a leggere

Arte della Liberazione

Padre Ernesto Cardenal

Padre Ernesto Cardenal

“La nascita della Chiesa della liberazione, con la sua corrispondente teologia, rappresenta, prima di tutto, una rivoluzione spirituale. A provocarla è stata l’irruzione dei poveri nella società e nella Chiesa. Questa rivoluzione spirituale ha inciso anche sull’arte sacra. Così Leonardo Boff, presentando il volumetto “Murais da libertaçao” sui dipinti delle chiese della prelatura di São Felix do Araguaja, retta dal 1971 al 2005 da dom Pedro Casaldaliga, spiega il sorgere in America latina, dopo il Concilio Vaticano II, di un’iconografia cristiana autoctona.

Continua a leggere

La Cattedrale dei poveri a Managua

1982-1985-1a-le-opere-dichiarate-patrimonio-culturale-nazionale-del-nicaraguaIl “ciclo pittorico di integrazione plastica” della chiesa di Santa Maria de los Angeles, a Managua, Nicaragua, è uno dei massimi esempi dell’arte sacra ispirata all’impegno dei cristiani latinoamericani nelle lotte di liberazione. Si tratta di un complesso di pitture murali, altorilievi e sculture in ceramica realizzati nel 1982-1985 da una trentina di studenti nicaraguensi sotto la direzione di Sergio Michilini, un pittore di Varese che nel 1982, grazie a un accordo tra il Movimento laici America latina (Mlal), un organismo italiano di cooperazione allo sviluppo, e il ministero della Cultura nicaraguense, guidato dal Padre Ernesto Cardenal, aveva creato la Scuola Nazionale di Arte Pubblica-Monumentale “David Alfaro Siqueiros”. Continua a leggere

MURALISMO CINEMATOGRAFICO, FEDE e RIVOLUZIONE.

1982-1985-1z1-vista-laterale-chiesa-del-barrio-riguero-managuaArticolo di Mauro Castagnaro per la rivista “Il Regno”
Quando si pensa al rinnovamento della Chiesa latinoamericana dopo il Concilio Vaticano II, la mente va subito alla Teologia della liberazione, alle Comunità ecclesiali di base, agli innumerevoli preti, religiose, catechisti, vittime della repressione, insomma alla riflessione di fede, ai nuovi modelli di Chiesa e al martirio che l’impegno sociale ha prodotto. Noti, invece, solo in ambienti più ristretti sono la “lettura popolare della Bibbia”, la vita religiosa “inserita negli ambienti popolari”, l’educazione liberatrice e l’ecumenismo di base. Continua a leggere

MAURO CASTAGNARO: muralismo, memoria e liberazione.

b-2005-1-popoli-mensile-internazionale-di-gesuiti-dicembreMuralismo, Memoria e liberazione- “Popoli” – Mensile internazionale dei Gesuiti- Dicembre 2005-n.12

Testo di Mauro Castagnaro

Il muralismo come forma dell’espressione plastica universale ha le sue origini nelle immagini dipinte sulla volta delle caverne agli albori dell’umanità. Continua a leggere