Hops lancia la sfida: “Fotografate la vostra birra estiva”

È una iniziativa curiosa quella lanciata oggi – dalla sua pagina Facebook – da Hops Beer House, il locale del pieno centro di Varese (si trova alle spalle della basilica di San Vittore) che ha scelto di dare spazio alla birra artigianale con una proposta che non ha eguali in quella zona.

Hops chiede infatti ai suoi clienti di partecipare a una disfida fotografica intitolata “L’estate 2017 e la mia birra”, il cui regolamento è molto semplice.  Continua a leggere

Caro MG – Quando lo street food sbarra la strada alle birre artigianali

Da qualche estate i festival di street food hanno invaso i centri delle città, i lungolaghi, le piazze dei paesi, con il loro carrozzone colorato e le tante proposte gastronomiche provenienti dai quattro angoli del mondo. Momenti nei quali, spesso e volentieri, hanno trovato spazio anche le birre artigianali, o con stand di vendita diretta o tra le proposte dei vari food trucks. Una presenza che però, in certi casi, inizia a essere limitata a favore delle birre crafty (le pseudo-artigianali – ma non definibili come tali – prodotte però dall’industria) o direttamente dai prodotti industriali.
Con in più – come ci spiega questa testimonianza – il rischio di essere “rinchiuse” in un unico stand centrale, così da limitare di molto le possibilità di scelta.

Caro Malto Gradimento

Cassano Magnago è una città, seppur piccola, che ospita molti eventi specie d’estate. Il weekend scorso, gli appuntamenti erano molteplici e tra questi c’era la Street Food Parade, al secondo anno in versione estiva dopo la parentesi invernale. Manifestazione che anche se agli inizi richiama molto gente. E per noi, che abitiamo vicino al parco della Magana, questo è un evento che non si può perdere.  Continua a leggere

La birra italiana va in trasferta nelle Fiandre

Ci sono anche un birrificio varesotto (Extraomnes di Marnate) e un birraio che da queste parti è cresciuto professionalmente (Nix Grande, ora a Birra Etnia dopo alcuni anni al Settimo di Carnago) nella “comitiva” italiana che nel prossimo fine settimana sarà protagonista del “Villaggio della Birra Belgian Edition”. manifestazione che è una costola di quella toscana e che dal 2016 organizza una versione, appunto, belga.

Il “Villaggio” è nato a Buonconvento (Siena) nel 2006 e nei primi anni ha appunto proposto alla platea italiana i birrifici provenienti da Fiandre e Vallonia accanto a quelli italiani. Con il tempo il festival toscano ha aggiunto produttori provenienti da molte altre nazioni, ma il legame con il Belgio è rimasto inalterato.  Continua a leggere

Oggimitrattobene: Hibu Mood

Del birrificio brianzolo Hibu abbiamo parlato di recente, perché ha dato vita a un curioso progetto di recupero dei luppoli autoctoni lombardi che promette sviluppi interessanti negli anni a venire. Intanto però, l’impianto diretto da Raimondo Cetani prosegue nella sua attività brassicola, sia proponendo le proprie birre più note, sia creando specialità stagionali o “one shot” da offrire agli appassionati.

La “Mood”, in stile baltic porter, è stata “promossa” tra le “Perenni”, le birre presenti e prodotte lungo tutto l’arco dell’anno, ha un tenore alcolico abbastanza elevato (7,5%) e un IBU (55) che lascia capire quel che si ritroverà nel bicchiere.  Continua a leggere

Birra in tour: alla scoperta di Krug Brau e di Bamberga

(franz) Da Varese a Bamberg e dintorni: Francesco, che di mestiere vende birra a Masnago, ha effettuato un viaggio-lampo in una delle zone a più alta densità brassicola (e qualitativa) del mondo. Ce lo ha raccontato così.

Conny Krug (a destra) con Francesco

E così si parte finalmente con destinazione Krug Brau situata a pochi passi dalla storica cittadina di Bamberga, la città dei colli, una sorta di “Roma tedesca”. Le ore di viaggio necessarie, tra soste e lavori in corso sulle autostrade tedesche, non sono poche ma per dissetarsi adeguatamente questo ed altro. A metà mattina mi presento con i miei due compagni di viaggio Stefano e Daniele alla birreria Krug a Waischenfeld, una piccolo paesino, imboscato in una serie di colline a pochi distanza dalla città “affumicata”.  Continua a leggere

Un fine settimana con l’imbarazzo della scelta

Da tempo, su Malto Gradimento, è attiva l’agenda degli eventi birrari per raggruppare tutte le manifestazioni dedicate alla nostra bevanda preferita, organizzate nel Varesotto o nelle province vicine.

Foto di repertorio

Per il fine settimana del 9-11 giugno però, facciamo un’eccezione e scriviamo un articolo completo, visto che raramente ricordiamo un weekend così ricco di proposte come questo. Vediamo dunque quali sono gli eventi in programma, che vi costringeranno a un vero e proprio tour de force con un boccale in mano.  Continua a leggere

“Velosophe”: la birra dell’Astana al 100° Giro d’Italia

Tra i lettori di Malto Gradimento c’è anche un ex corridore (inteso come ciclista) capace di vincere in carriera anche tappe al Giro d’Italia e al Tour de France. Un corridore veloce che ha ottenuto il suo successo più prestigioso in Olanda, in una grande classica nella quale – caso più unico che raro – sul podio non si stappano spumanti e champagne ma si brinda con un capace boccale di birra (la Amstel Gold Race).

Il corridore in questione è Stefano Zanini, varesino di classe 1969, professionista tra il 1991 e il 2007 e attualmente nella rosa dei direttori sportivi dell’Astana (la squadra che fu di Nibali e del povero Scarponi, il team kazako dove l’italiano Aru è uno dei grandi capitani). Continua a leggere

VareseNews (con Malto Gradimento) ospite al Barley House di Gallarate

Sulle pagine di Malto Gradimento parliamo raramente della nostra “casa madre”, ovvero di VareseNews, che tiriamo in ballo solo per occasioni importanti.

Ed è importante, per noi, la celebrazione dei 20 anni di un giornale che ha radicalmente cambiato il mondo dell’informazione locale e che (per come è strutturato e per la storia che ha alle spalle) rappresenta una rarità virtuosa nel mondo del giornalismo italiano.  Continua a leggere

Un giovane manager varesino a capo di AB InBev Italia

La provincia di Varese resta uno snodo importante per il mondo italiano della birra, anche a livello industriale. Se infatti alle porte del capoluogo continua a operare l’antica birreria Poretti, da anni battente bandiera danese (leggi Carlsberg), in quel di Gallarate si trova la sede italiana del colosso AB InBev, la multinazionale che ha sede a Lovanio e che ha un fatturato globale di 45,5 miliardi di dollari.

La foto istituzionale di Davide Franzetti

Proprio a Gallarate si è registrato nei giorni scorsi un importante cambio della guardia, quello dell’amministratore delegato di AbInbev Italia. Del ruolo è stato investito un giovane manager varesino: si chiama Davide Franzetti, non ha ancora compiuto 38 anni ed è originario di Caravate, a due passi dal Lago Maggiore. (Anticipando possibili domande: no, non siamo parenti anche se viviamo a pochi chilometri di distanza e ci conosciamo da anni).

Continua a leggere

Fresca, nuova e ipnotica: ecco come è nata l’Amnesia Haze

C’è una rana con uno sfondo colorato e ipnotico che da qualche tempo salta sui banconi di diversi pub sparsi per l’Italia. Una rana portatrice di una birra uscita con un’etichetta inedita – ZanzaBrew – che ha preso vita proprio nel Varesotto.

La Amnesia Haze, questo il nome della birra, è infatti nata nei fermentatori di The Wall, a Venegono Inferiore, ed è stata pensata ai tavoli del Quality Relax di Castellanza. Proprio il publican di questo locale, Matteo Colombo, fa parte del terzetto dei fondatori della ZanzaBrew ed è lui a raccontarci come e perché è stata creata questa novità brassicola dell’estate 2017.  Continua a leggere