Notte rosa in locali: si presenta la “Pinky”

Qualche tempo fa vi avevamo parlato in anteprima della “Pinky”, l’ultima birra (che ha perso la seconda parte del nome: inizialmente era “Pinky Noise”) nata in casa “50&50”, il produttore varesino con sede nel quartiere di Valle Olona.

Dopo le classiche indiscrezioni di cui abbiamo fatto cenno anche su “Malto Gradimento”, ora è tempo del rilascio ufficiale della birra – una milkshake IPA secondo la definizione ufficiale fornita dal “50” – e per questo il birrificio varesino ha scelto una formula particolare.  Continua a leggere

Schigi (EO) e Simonelli (Vetra) in nomination per “Birraio dell’Anno”

Il network “Fermento Birra” ha diramato quest’oggi – lunedì 4 dicembre – le nomination per il premio “Birraio dell’Anno”, tradizionale appuntamento di gennaio per quanto riguarda il panorama della birra artigianale italiana. La premiazione è prevista al teatro ObiHall di Firenze al culmine di un evento lungo tre giorni, tra il 19 e il 21 gennaio e come tradizione a proclamare i vincitori sarà la voce di Kuaska.

Dall’edizione 2015 il premio è suddiviso in due parti: accanto al riconoscimento assoluto è stato infatti previsto quello per la categoria “Emergenti” dedicata a quei birrai che conducono un’attività da meno di due anni.  Continua a leggere

Natalizie varesotte: ecco la “Rusca” e la “Babbo Riserva”

Il primo giorno di dicembre è probabilmente quello “giusto” per dare il via al discorso delle “Birre di Natale”. Proprio oggi infatti, nel Varesotto, due birrifici lanciano la propria “speciale” dedicata a questo periodo.

Si tratta della ormai tradizionale “Rusca” del Birrificio Settimo e della “Babbo Riserva” del gallaratese A Tutto Malto.
In entrambi i casi saranno i locali direttamente collegati ai birrifici a tenere a battesimo la nuova produzione dedicata alle festività invernali.  Continua a leggere

Homebrewing: il corso di Confartigianato slitta a inizio marzo

Qualche tempo fa vi avevamo avvisato del lancio, da parte di Confartigianato Varese, di un nuovo corso dedicato agli homebrewers tenuto da diversi professionisti del settore brassicolo che operano in provincia (o appena al di fuori dei confini varesotti).

Per questioni logistiche e temporali dovute ad alcuni impegni interni, però, lo staff degli organizzatori che fa capo a Versione Beta (il laboratorio di formazione creato da Confartigianato) ha preferito rinviare il corso di circa tre mesiContinua a leggere

Visintin: “Provo affetto per la birra artigianale. Per questo l’ho attaccata”

Qualche mese fa – era il 17 marzo – il mondo della birra artigianale italiana venne scosso da un articolo pungente di uno dei giornalisti italiani più noti nel mondo dell’enogastronomia, Valerio M. Visintin, il quotato critico milanese del Corriere della Sera.

Valerio M. Visintin (Corriere della Sera)

Nel pezzo (lo trovate QUI) Visintin attaccava in maniera piuttosto pesante il panorama nazionale a partire dal titolo: “L’era della birra al calzino (ma artigianale)”. All’interno, accanto a qualche passaggio incontrovertibile, non mancavano riferimenti ironici a Kuaska, a Teo Musso, ai tanti appassionati “nerd”. Diverse anche le frasi contestabili o addirittura piuttosto campate per aria; su tutte, a nostro avviso, i riferimenti all’uso delle materie prime straniere o all’adozioni di stili esteri da parte dei nostri birrai (che non possono certo essere una colpa) e via discorrendo.

Nei giorni scorsi Visintin – camuffato come di consueto dalla testa ai piedi, occhi compresi (è lo stile con cui si presenta in pubblico per evitare di essere riconosciuto, e quindi trattato con favore nei locali che recensisce e, spesso, stronca) – era ospite di Glocal, il festival di giornalismo digitale organizzato da VareseNews. Non potevamo farci scappare l’occasione, quindi, di tornare sull’argomento “birre artigianali” al termine dell’incontro che lo ha visto protagonista nella sede delle Ville Ponti di Varese.  Continua a leggere

Birra in Tour – “In de Vrede”, serenità e birre fantastiche

(franz) Andrea Belloni è stato uno dei giudici dell’edizione 2017 del Concorso Malto Gradimento, ha gestito per anni uno dei locali birrari più attivi del Varesotto (il Circolo S. Eugenio di Tornavento), ha fatto il rappresentante e ora è l’anima di “InCircolo”. Tocca a lui raccontarci la visita in un luogo simbolo del Belgio birrario, il locale “In de Vrede”, dove è possibile gustare tutte le specialità dell’abbazia di St. Sixtus, Westvleteren.
Prima di lasciarvi alla lettura, vi ricordiamo che se volete pubblicare sul blog una vostra esperienza per la rubrica “Birra in Tour” dovete semplicemente inviare il testo e qualche foto all’indirizzo maltogradimento@gmail.com.

Andrea ci racconta la visita a “In de Vrede”

Chiunque lavori nell’ambito birrario, o sia solo un semplice appassionato, ha sentito nominare almeno una volta il nome di Westvleteren, che racchiude in sé un’aura di sacralità quasi mitologica.
La logica con cui, qualche anno fa, una delle tre birre prodotte dai monaci trappisti dell’abbazia di St. Sixtus sia stata giudicata «birra migliore del mondo» non mi è mai stata chiara, e quindi ho deciso di andare a verificare coi miei occhi, le mie papille gustative… e il mio fegato.  Continua a leggere

Un’altra “tedesca” per il birrificio “The Wall”

Va sempre più verso gli stili tedeschi la produzione del birrificio “The Wall” di Venegono Inferiore.
Dopo aver messo in catalogo una helles (RebHell), una doppelbock (Billygoat) e una rauchbier (Kamaleon) i birrai Andrea Rogora e Daniele Martinello hanno lavorato alla cotta di un nuovo prodotto ispirato alla GermaniaContinua a leggere

50&50 in rosa: arriva la NEIPA “Pinky Noise”

Arriva una novità firmata da uno dei più vivaci produttori del territorio, il birrificio varesino “50&50” condotto da Elia Pina e Alberto Cataldo. Tra circa un mese, infatti, arriverà sul mercato una fruit NEIPA (che segue di quasi un anno la “Juicy MF”) dall’inconsueto colore rosa, ripreso anche nel nome: “Pinky Noise”.

La prima immagine della Pinky Noise

«Una birra che mi frullava in testa da un paio d’anni e che alla fine ho realizzato – spiega Elia – utilizzando ingredienti particolari come lamponi, mirtilli, vaniglia e lattosio, oltre alla luppolina cryo hops, un prodotto in polvere che conferisce aromi intensi e pronunciati».

Continua a leggere

Varese: un corso “intensivo” con Diego Bernori

I lettori di Malto Gradimento hanno già conosciuto la figura di Diego Bernori, veronese di origine e docente al celebre Doemens di Monaco di Baviera, la sua città d’adozione nella quale ha anche il privilegio di essere uno dei pochissimi stranieri ad avere un posto fisso ai tavoli della mitica birreria HB. (QUI l’articolo in cui ne abbiamo parlato)

Diego Bernori in una sua precedente visita a Varese

Bernori ha avviato da tempo una collaborazione “varesina”, quella con il negozio “Luppoli e Uva” di Masnago dei fratelli Adriano e Francesco Mangia, realtà piccola ma attenta e attiva nel piccolo mondo brassicolo cittadino, che propone per domenica 12 novembre un corso concentrato in un’unica giornata, il cui docente sarà proprio Diego.  Continua a leggere

Da Confartigianato Varese un assist per gli aspiranti birrai

C’è una nuova e interessante possibilità per chi vuole imparare le basi del mestiere del birraio e, a differenza di altre occasioni, la proposta arriva da un’associazione di categoria tra le più rilevanti del nostro territorio.

Parliamo di Confartigianato Imprese Varese, che sta lanciando in questi giorni un corso particolarmente articolato, destinato a chi vuole crescere nel campo dell’homebrewing e anche a chi è interessato ad accostarsi alla professione di birraio.  Continua a leggere