Visintin: “Provo affetto per la birra artigianale. Per questo l’ho attaccata”

Qualche mese fa – era il 17 marzo – il mondo della birra artigianale italiana venne scosso da un articolo pungente di uno dei giornalisti italiani più noti nel mondo dell’enogastronomia, Valerio M. Visintin, il quotato critico milanese del Corriere della Sera.

Valerio M. Visintin (Corriere della Sera)

Nel pezzo (lo trovate QUI) Visintin attaccava in maniera piuttosto pesante il panorama nazionale a partire dal titolo: “L’era della birra al calzino (ma artigianale)”. All’interno, accanto a qualche passaggio incontrovertibile, non mancavano riferimenti ironici a Kuaska, a Teo Musso, ai tanti appassionati “nerd”. Diverse anche le frasi contestabili o addirittura piuttosto campate per aria; su tutte, a nostro avviso, i riferimenti all’uso delle materie prime straniere o all’adozioni di stili esteri da parte dei nostri birrai (che non possono certo essere una colpa) e via discorrendo.

Nei giorni scorsi Visintin – camuffato come di consueto dalla testa ai piedi, occhi compresi (è lo stile con cui si presenta in pubblico per evitare di essere riconosciuto, e quindi trattato con favore nei locali che recensisce e, spesso, stronca) – era ospite di Glocal, il festival di giornalismo digitale organizzato da VareseNews. Non potevamo farci scappare l’occasione, quindi, di tornare sull’argomento “birre artigianali” al termine dell’incontro che lo ha visto protagonista nella sede delle Ville Ponti di Varese.  Continua a leggere

Concorso MG: intervista a Stefano Baladda, presidente di giuria

DSC_5962

Stefano Baladda (a sin.) applaude il nuovo campione di Malto Gradimento

Al termine della proclamazione dei vincitori del nostro Concorso Malto Gradimento abbiamo intervistato il presidente di giuria, Stefano Baladda, cresciuto alla corte del mitico Franco Re e ora socio (con Silvana Giordano e Samantha Belli) di Unibirra della quale è anche docente nei corsi organizzati dal locale di Calcinate del Pesce.

A Stefano è toccato il compito svolto in passato dallo stesso Re e da Cesare Gualdoni, ovvero illustrare ai concorrenti il modo con cui i giudici sono arrivati al verdetto e dare una panoramica generale dei prodotti degustati in sede di valutazione. Continua a leggere

L’Orso Verde tra le “imprese delle meraviglie”

logo_orso_verdeDa alcuni mesi VareseNews, il quotidiano online nel quale è nato e “vive” il nostro blog, propone ai propri lettori una rubrica realizzata in collaborazione con la Confartigianato provinciale dal titolo “L’impresa delle meraviglie”.
Nelle pagine dedicate all’economia, di volta in volta, sono ospitate esperienze artigianali d’eccellenza presenti nel Varesotto, in cui viene raccontata la loro storia attraverso un’intervista alle persone che hanno creato e fatto crescere queste piccole aziende-modello. Continua a leggere

La vecchia “Fabbrica” ora è culla delle birre di Marsan

logofabbricaQuando ancora la birra artigianale italiana era agli albori, in provincia di Varese c’era già un impianto attivo: correva il 1998 e a Saronno, dopo qualche mese di lavori preparatori, prese il via la produzione de “La Fabbrica” con un pub ad affiancare la sala cottura. Erano gli anni in cui nella vicina Lurago Marinone il grande Agostino Arioli iniziava ad affinare i suoi capolavori targati “Birrificio Italiano”, mentre a Milano cominciava a vivere l’esperienza del “Lambrate”, altro caposaldo della storia della birra lombarda.
A differenza di “Birri” e “Lambrate” però, il cammino de “La Fabbrica” (nella foto il logo storico) è stato più tortuoso: la produzione non ha mai raggiunto grandi volumi e, complice una serie di cambi di proprietà e gestione, il marchio e il brewpub hanno assunto un ruolo marginale in un mondo in continua espansione.

Continua a leggere

Un anno di Gist beershop: «Bilancio positivo»

LogoGistNuovoIn una provincia relativamente ricca di produttori, ma piuttosto povera di “diffusori” – soprattutto nel centro-nord – non possiamo che unirci al coro di auguri cantato in questi giorni dagli appassionati di birra per il primo compleanno del Gist Beershop. Il negozio di Azzate, nato giusto 12 mesi fa, festeggia offrendo da bere a chi passa domani – sabato 30 maggio – dal pomeriggio alla sera e il suo proprietario Amedeo Capelli ha fatto con noi il bilancio della propria attività. Continua a leggere

«Birra artigianale, mondo affascinante». Parola di “Lady Cucina”

Panna975La Cucina Italiana” è dalla sua nascita – datata 1929 – rivista seria e rigorosa nel proporre ricette, notizie e approfondimenti verso ciò che si mangia e si beve sulle tavole del nostro Paese. E forse qualcuno si può stupire che, a capo di una pubblicazione dal taglio un po’ istituzionale, ci sia una direttrice under 40: Anna Prandoni. Originaria di Busto, cresciuta all’interno dello staff del mensile, Prandoni ha saputo dare un taglio più moderno e social alla rivista e a tutto il vasto mondo che le ruota intorno. L’abbiamo incontrata a Glocal, il festival di giornalismo organizzato da VareseNews, e l’abbiamo stuzzicata sull’argomento a noi più caro: la birra, ovviamente. Sulla quale Anna ha mostrato una buona padronanza, una certa passione e parecchio interesse. Continua a leggere

“Dentro le nostre birre c’è la bontà della mia terra”

Franzosi_02Un titolo di “Birraio dell’anno” già in bacheca (2012), un grande amore per i propri prodotti, un’attenzione altrettanto alta verso il territorio circostante e la serenità di chi sta facendo bene un lavoro appassionante. Abbiamo incontrato Ricccardo Franzosi al termine di una serata organizzata – per e con lui – al Barbaresco di Legnano, durante la quale sono state stappate quattro “Montegioco” in abbinamento (riuscito) con i piatti proposti dallo chef del locale. E non potevamo perdere l’occasione di fare quattro chiacchiere con lui, per conoscerlo (e farvelo conoscere) meglio. Continua a leggere