500 bottiglie in un colpo: a Galliate è caccia al Guinness

HappyHouse copiaUn inno alla birra come bevanda conviviale, ma con un risvolto da record internazionale.

Galliate, località novarese di circa 15mila abitanti che nel 1818 diede i natali a Francesco Peroni (il fondatore del birrificio più famoso d’Italia…), si prepara a entrare nel Guinness dei Primati grazie a un’idea dell’associazione Happy House Beer, da molti anni attiva nella promozione della cultura birraria.  Continua a leggere

McChicken: le “galline” lombarde conquistano Stoccarda

I lettori più affezionati di Malto Gradimento hanno già letto in passato qualche notizia sui “The McChicken Show”, la band nata in provincia di Milano e piuttosto conosciuta da queste parti per le sue esibizioni in diverse feste della birra. Esibizioni che – lo spieghiamo per chi non li conosce – miscelano la musica della tradizione bavarese a successi tedeschi più recenti, a hit internazionali vecchie e nuove senza però disdegnare i brani dialettali e popolari lombardi.

Continua a leggere

Prima gli sconti poi i saluti: a Vergiate chiude “Dai Beerboni”

Sta purtroppo per terminare una bella avventura birraria in provincia di Varese. “Dai Beerboni”, beershop di Vergiate che ha affiancato alla vendita anche l’organizzazione di eventi e serate a tema, chiuderà i battenti il prossimo sabato 22 aprile.

Beerboni

Una decisione sofferta ma inevitabile per Matteo Cara, il “beerbone” superstite che ha gestito il punto vendita negli ultimi mesi ma che non riesce più a garantire la continuità necessaria. Continua a leggere

Il “Passerotto” torna all’antico ma strizza l’occhio alla birra

Passerotto_LogoUna storica osteria con alloggio che, nel tempo, si è trasformata in un ristorante di alto livello ma che di recente ha voluto “tornare all’antico”, ridando vita a un locale conviviale, informale e dedicato al buon bere. Non disdegnando – accanto alla tradizionale carta dei vini – di offrire un assist alla birra artigianale, non per scelta modaiola ma per la passione di chi conduce questa nuova esperienza.

A Saronno ha da poco aperto il “Passerotto Bistrot”, versione giovane del ristorante omonimo – si trovano nella stessa sede – che propone ai propri clienti un’offerta semplice e leggera ma altrettanto di qualità rispetto al locale principale.  Continua a leggere

Il cuore (pedonale) di Gallarate dà il benvenuto a Barley House

Apre in via San Giovanni Bosco il primo beer shop di Gallarate: si chiama Barley House e dietro al bancone ci sono due amici appassionati di birra artigianale, Michele Budelli e Simone Castiglione.

17523589_10212206505268697_1045668645311158069_n

Michele e Simone ai posti di combattimento

Michele – che è anche homebrewer – ha partecipato anche a due edizioni del Concorso Malto Gradimento e racconta l’approccio del nuovo locale come luogo d’incontro: «Abbiamo deciso di intraprendere questa strada, dopo anni di birrificazione casalinga, perché sentivamo la mancanza di un posto vicino casa dove poter vivere a 360 gradi questa passione, un luogo in cui entrare per fare due chiacchiere con un amico, mangiare una pizza d’asporto o progettare la prossima birra da brassare a casa con i propri “soci”». Continua a leggere

Cena e brindisi: “Tasso Alcolico” è ufficialmente decollato

Malto Gradimento è stato tra i primi a parlare al pubblico del progetto “Le birre del Tasso Alcolico”, una novità con radici a Legnano – grazie allo staff dell’enopub “Il Barbaresco” – nobilitata da una serie di firme importanti a partire da quella di Lorenzo “Kuaska” Dabove, che ha messo la firma a tutta la vicenda.

Tasso_Spine

“Tasso Alcolico” – per entrare nei dettagli vi rimandiamo a QUESTO ARTICOLO – ha ora preso il via in modo ufficiale e lo ha fatto con una cena a inviti che si è tenuta proprio nel locale legnanese nei giorni scorsi.  Continua a leggere

Un po’ di consigli per celebrare San Patrizio nel Varesotto

San Patrizio, patrono d’Irlanda, è una di quelle ricorrenze legate a filo doppio con la birra e in particolare con le stout, le “scure” che tradizionalmente allietano le bevute nei pub (e nelle case) dell’ “Isola di Smeraldo”.

IrishStout

Una festa che ogni anno richiama in Irlanda turisti e appassionati da varie parti del mondo, Italia compresa, e che viene celebrata anche in molti locali di casa nostra con serate ad hoc. Ecco quindi una breve panoramica per trascorrere il 17 marzo in compagnia di amici, musica e buona birra.  Continua a leggere

Corsi per tutti i gusti all’Unibirra

LogoUnibirraIeri sera – lunedì 6 marzo – in concomitanza con l’avvio della Settimana della Birra Artigianale Italiana (QUI il calendario eventi del Varesotto) ha preso il via un nuovo corso per appassionati all’Unibirra di Calcinate del Pesce, quello di degustazione.

La proposta formativa del locale varesino – gestito dallo staff che lavorava insieme al mitico Franco Re – in questo periodo dell’anno è infatti davvero molto ricca: sono ben quattro i corsi in calendario, uno dei quali – quello specifico per i gestori di pub – già in fase avanzata.  Continua a leggere

Settimana della birra, tutte le iniziative a Varese e provincia

Pronti, partenza, via! Da oggi – lunedì 6 marzo – a domenica 12 in tutta Italia si celebra una festa “diffusa” dedicata alla birra artigianale, come avviene da diversi anni a questa parte grazie all’organizzazione curata dal blog “Cronache di Birra” diretto da Andrea Turco. A Roma è andata in scena l’anteprima con il “Ballo delle debuttanti”, serata in cui sono state svelate per la prima volta alcune nuove produzioni; ora spazio a eventi e promozioni in tutto lo stivale.

Fotobirra

E la provincia di Varese partecipa alla grande: ecco tutti gli appuntamenti registrati sul sito ufficiale della manifestazione. L’elenco sarà il più possibile aggiornato in caso di variazioni (ma ovviamente non siamo responsabili di errori e omissioni…). Sotto al calendario trovate l’elenco dei locali che hanno aderito alla Settimana (compresi quelli che non hanno comunicato iniziative particolari). Continua a leggere

A cosa ci riferiamo con il termine “trappista”

All’improvviso, in tutto il mondo, si è tornati a utilizzare il termine “trappista”. Il motivo è semplice e riguarda l’importantissima scoperta scientifica annunciata dalla Nasa, secondo la quale una stella lontana 80 anni luce dalla Terra avrebbe attorno a sé sette pianeti con condizioni di temperatura e luce simili al nostro, e per questo motivo potrebbero conservare riserve di acqua (e quindi di vita, per come la intendiamo noi umani).

Trappist1Nasa

Foto: Nasa

La stella in questione – una “nana rossa” – si chiama per l’appunto “Trappist-1”, perché è stata scoperta utilizzando un telescopio chiamato “TRAnsiting Planets and PlanetesImals Small Telescope–south”. Nulla a che vedere direttamente con la birra o con i monaci trappisti, anche se il fatto che dietro a questo delicato strumento ci sia anche l’Università di Liegi ci fa sospettare che gli scienziati abbiano comunque in qualche modo omaggiare uno dei prodotti alimentari più famosi del proprio Paese.  Continua a leggere