Sei in: VareseNews / Busto Arsizio / La banda dei ventenni violenti rimane in carcere - 23/02/2012
 
Condividi su Facebook
Gallarate - Busto Arsizio

La banda dei ventenni violenti rimane in carcere

Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo disposto dalla Procura: c'è pericolo di fuga e il rischio che ripetano il reato. I tre attenderanno il processo in carcere
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
Sono pericolosi e rischiano anche di sottrarsi alla giustizia: per questo il giudice delle indagini preliminari ha convalidato la custodia cautelare in carcere per i membri della banda di giovanissimi che - secondo gli elementi raccolti da Polizia e Procura - sarebbero responsabili delle rapine ai danni di tre persone nei primi giorni di gennaio. Montassir El Ouardi, 19 anni, Abdefatah Soumir, 19 anni, e Marjo Gjeka, 19 anni, sono stati interrogati nella giornata di giovedì dal giudice delle indagini preliminari di Busto, Nicoletta Guerrero: si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, il gip ha convalidato il fermo chiesto dal sostituto procuratore Mirko Monti e ha anche disposto la custodia cautelare in carcere per tutti e tre i ragazzi.

La custodia in carcere secondo il giudice è pienamente giustificata, per i diversi motivi che la prevedono. Esisteinfatti sia il pericolo di fuga: il giovane El Ouardi è stato bloccato a Orio al Serio dalla Polizia mentre stava per imbarcarsi su un volo diretto in Marocco. C'è il rischio di reiterazione del reato, perché la gang aveva continuato a muoversi indisturbata dopo arresti e denunce in passato, partecipando anche all'azione "punitiva" della sera di San Valentino (in mancanza di flagranza di reato si era proceduto con denunce a piede libero). Il gruppo aveva mostrato grande compattezza nell'intimorire a calci e pugni, con modalità mafiose, un possibile testimone (che tale non era). El Ouardi e Soumir, infine, erano già stati affidati a una comunità rieducativa dopo i precedenti reati. Ora il trio attenderà il processo in carcere: sono accusati di rapina, lesioni personali aggravate e danneggiamento.
23/02/2012
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Dalla Home
Eternit sulle case abbandonate, un "puzzle" da risolvere Eternit sulle case abbandonate, un "puzzle" da risolvere
Dopo gli ultimi danni ai tetti di una palazzina e la caduta di pezzi di amianto, ...
Le banche hanno liquidità ma
le imprese restano a bocca asciutta Le banche hanno liquidità ma le imprese restano a bocca asciutta
Lo evidenzia il Tavolo del credito dell'Unione degli industriali. La nostra pro ...
L'Ordine degli avvocati
sul Giudice di pace:
"Gravissima preoccupazione" L'Ordine degli avvocati sul Giudice di pace: "Gravissima preoccupazione"
Comunicato dell'organismo sulla vicenda che ha portato all'arresto di Luciano So ...