Sei in: VareseNews / Busto Arsizio / La banda dei ventenni violenti rimane in carcere - 23/02/2012
 
Condividi su Facebook
Gallarate - Busto Arsizio

La banda dei ventenni violenti rimane in carcere

Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo disposto dalla Procura: c'è pericolo di fuga e il rischio che ripetano il reato. I tre attenderanno il processo in carcere
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
Sono pericolosi e rischiano anche di sottrarsi alla giustizia: per questo il giudice delle indagini preliminari ha convalidato la custodia cautelare in carcere per i membri della banda di giovanissimi che - secondo gli elementi raccolti da Polizia e Procura - sarebbero responsabili delle rapine ai danni di tre persone nei primi giorni di gennaio. Montassir El Ouardi, 19 anni, Abdefatah Soumir, 19 anni, e Marjo Gjeka, 19 anni, sono stati interrogati nella giornata di giovedì dal giudice delle indagini preliminari di Busto, Nicoletta Guerrero: si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, il gip ha convalidato il fermo chiesto dal sostituto procuratore Mirko Monti e ha anche disposto la custodia cautelare in carcere per tutti e tre i ragazzi.

La custodia in carcere secondo il giudice è pienamente giustificata, per i diversi motivi che la prevedono. Esisteinfatti sia il pericolo di fuga: il giovane El Ouardi è stato bloccato a Orio al Serio dalla Polizia mentre stava per imbarcarsi su un volo diretto in Marocco. C'è il rischio di reiterazione del reato, perché la gang aveva continuato a muoversi indisturbata dopo arresti e denunce in passato, partecipando anche all'azione "punitiva" della sera di San Valentino (in mancanza di flagranza di reato si era proceduto con denunce a piede libero). Il gruppo aveva mostrato grande compattezza nell'intimorire a calci e pugni, con modalità mafiose, un possibile testimone (che tale non era). El Ouardi e Soumir, infine, erano già stati affidati a una comunità rieducativa dopo i precedenti reati. Ora il trio attenderà il processo in carcere: sono accusati di rapina, lesioni personali aggravate e danneggiamento.
23/02/2012
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Dalla Home
Il Questore: "Telos,
chi delinque sarà identificato" Il Questore: "Telos, chi delinque sarà identificato"
Il capo della polizia avverte: "Garantiamo il dissenso pacifico, ma tutti dovran ...
Vibratori alla cocaina
e chitarre all'hascisc Vibratori alla cocaina e chitarre all'hascisc
I trucchi per nascondere la droga in arrivo per via aerea in Italia sono i più v ...
Pozzecco: "I consigli
di Recalcati e Pillastrini
mi danno forza" Pozzecco: "I consigli di Recalcati e Pillastrini mi danno forza"
Il coach della Openjobmetis non si abbatte per le sconfitte in precampionato «a ...