Sei in: VareseNews / Busto Arsizio / "Viva Israele", vandali distruggono gli striscioni - 17/09/2007
 
Condividi su Facebook
Busto Arsizio

"Viva Israele", vandali distruggono gli striscioni

Fatti a pezzi nella giornata di domenica gli striscioni che pubblicizzavano la presentazione dell'ultimo libro di Magdi Allam. Farioli: «Un atto di stile nazista»
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione

Magdi Allam, vice direttore del Corriere, giornalista e scrittore, autore di best seller come “Io amo l’Italia”, sarà al teatro Sociale giovedì 20 alle ore 21 per presentare alla cittadinanza la sua ultima fatica “Viva Israele. Dall’ideologia della morte alla civiltà della vita: la mia storia”. Ne dà notizia il Comune di Busto Arsizio in un comunicato stampa, definendo un "graditissimo ritorno" quello del giornalista italo-egiziano, legato da cordiale amicizia e comune visione al sindaco Gigi Farioli.

Ma l'arrivo di Allam in città è stato pubblicizzato, prima ancora di questo comunicato, da un fatto di cronaca quantomai sgradevole. Due striscioni posti da qualche giorno di fronte al Museo del Tessile e in viale Stelvio per annunciare la serata di presentazione del libro sono stati infatti tagliati e distrutti: è stato lo stesso primo cittadino Farioli, domenica in serata, ad accorgersene. «C'è grande amarezza, è un atto di stile nazista» commenta il sindaco; «ora valuteremo il da farsi anche per quanto riguarda eventuali denunce. Intanto provvederemo a rimettere in posizione nuovi striscioni». C'è davvero da chiedersi chi possa aver compiuto un atto così stupido ed evidentemente premeditato: un gesto che di certo non danneggia personalmente Allam (gli procura semmai ulteriore pubblicità), ma fa fare pessima (e immeritata) figura alla città. Il tutto in una giornata già segnata, in questa provincia, dall'operazione della Digos contro un'organizzazione politica di stampo neonazista.

Nel suo ultimo libro, si legge nel comunicato diramato da Palazzo Gilardoni, Allam lancia un appello "che non è soltanto di solidarietà per un paese e per un popolo: il suo è un preciso richiamo a tutti - cristiani e musulmani, europei e arabi, e in particolare a noi italiani - perché riconoscano quale pericolo mortale si nasconde nell’odio anti-israeliano".
Allam sostiene che "l’ideologia della morte, che è alla base delle più recenti e sconvolgenti manifestazioni di terrorismo e che considera i «diversi», i «non islamici», nemici a tutti gli effetti, nasce proprio dal conflitto del mondo arabo con Israele".
Scrive Allam: "In queste pagine ho voluto raccontarvi il mio lento e sofferto percorso esistenziale dall’ideologia della menzogna, della dittatura, dell’odio, della violenza e della morte alla civiltà della verità, della libertà, dell’amore, della pace e della vita. Fino a maturare il pieno convincimento che, oggi più che mai, la difesa del valore della sacralità della vita coincida con la difesa del diritto di Israele all’esistenza”.

Ad accogliere e a presentare lo scrittore egiziano giovedì sera saranno il sindaco Gigi Farioli, l’assessore alla Cultura Claudio Fantinati e il giornalista Angelo Lorenzo Crespi, direttore de Il Domenicale.

17/09/2007
Tag Articolo
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Dalla Home
Rivive dopo 30 anni
la salita al Sacro Monte
di Papa Giovanni Paolo II Rivive dopo 30 anni la salita al Sacro Monte di Papa Giovanni Paolo II
Dal 2 novembre sarà aperta al pubblico una singolare mostra "open air" sul Viale ...
Ultimata la segnaletica,
ecco come sarà
la tangenziale Pedemontana Ultimata la segnaletica, ecco come sarà la tangenziale Pedemontana
Il completamento delle indicazioni e la posa dei cartelli di questi giorni rendo ...
Sindacati uniti contro
gli infortuni sul lavoro Sindacati uniti contro gli infortuni sul lavoro
Cgil, Cisl e Uil, presenteranno domani al Collegio De Filippi di Varese un piano ...