Time Motors
Sei in: VareseNews / Busto Arsizio / Venticinque candeline per la Coop Solidarietà e Servizi - 12/11/2004
 
Condividi su Facebook
Busto Arsizio

Venticinque candeline per la Coop Solidarietà e Servizi

Una Messa alla Fondazione San Giacomo per le "nozze d'argento" con la solidarietà; e domattina si inaugura una casa alloggio per disabili a Bergoro
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
«Dal cuore il lavoro, dal lavoro l'opera»: con questa citazione di don Giussani la Cooperativa Solidarietà e Servizi celebrara i suoi primi 25 anni di attività. Fondata nel 1979 a Busto Arsizio, Solidarietà e Servizi si è definita come «proposta di una compagnia ed un aiuto per tutti coloro che, a partire dal proprio bisogno di lavoro, vogliono scoprire e vivere in pienezza la loro umanità». L'attenzione ai bisogni delle persone ha condotto la cooperativa a sviluppare iniziative e servizi in favore dei disabili fisici e psichici e di altre persone a rischio di emarginazione. Nel dicembre 2000 i servizi svolti dalla cooperativa hanno ottenuto la Certificazione di Qualità ISO 9001.

Ricca e complessa la rete di strutture di Solidarietà e Servizi, che, attualmente presieduta da Daniele Giani, gestisce tre centri socio-educativi (a Marnate, Caronno Pertusella e Busto Arsizio), un Centro Accoglienza Disabili a Cassano Magnago, un Servizio di Formazione all’Autonomia a Borsano, una comunità alloggio a Bergoro ed il servizio di inserimento lavorativo per i distretti comunali di Busto Arsizio, Castellanza, Gallarate e Tradate. Inoltre domani, sabato 13 novembre 2004, alle 11,30 sarà inaugurata a Fagnano Olonauna nuova residenza per disabili, sita in via San Giovanni 22/A nella frazione di Bergoro. Si tratta di «un servizio al territorio, una risposta alle persone - disabili ospiti della Comunità Alloggio di Bergoro di Fagnano Olona - che hanno dimostrato il desiderio di avere una casa vera, una casa propria».

Il progetto Dopo di Noi, da cui nasce la nuova residenza per disabili, viene citato ad esempio del concetto di sussidiarietà caro alla Compagnia delle Opere. In base alla legge 388/00, articolo 81, la Cooperativa Sociale Solidarietà e Servizi, dopo aver presentato lo scorso anno un progetto poi approvato dalla Regione, ha potuto acquistare una unità abitativa per venire incontro al desiderio di tre uomini fra i venti e i cinquant'anni, ospiti dal febbraio 2000 della Comunità alloggio di via San Giovanni 66 a Bergoro di Fagnano Olona, di un reinserimento in una realtà abitativa “normale".

La Comunità alloggio resterà comunque punto di riferimento per la casa, che sorge nelle sue immediate vicinanze, con la sua équipe educativa e i consulenti (psicologo, medico,assistente sociale), oltre agli altri ospiti della Comunità e ad un territorio sempre accogliente.

12/11/2004
Tag Articolo
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Dalla Home
Angeli antiviolenza
in ospedale, nasce
un team per le donne Angeli antiviolenza in ospedale, nasce un team per le donne
Medici legali, psicologi e avvocati pronti a raccogliere le prove dello stupro g ...
Consiglio Provinciale,
la minoranza
abbandona l'aula Consiglio Provinciale, la minoranza abbandona l'aula
Scintille tra maggioranza e opposizione che si scontrano sulla paternità di due ...
L'Asl assicura: "Non abbiamo
il vaccino antinfluenzale sospetto" L'Asl assicura: "Non abbiamo il vaccino antinfluenzale sospetto"
Dopo due morti in Sicilia, l'Aifa ha deciso di ritirate dal mercato due lotti di ...