Sei in: VareseNews / Lettere al direttore / Il paese dalle strisce gialle - 22/06/2012
 
Condividi su Facebook
Lettere al direttore

Il paese dalle strisce gialle

Un lettore si lamenta della differenza tra le modalità di parcheggio per residenti e per chi non vive in paese: una tassa mascherata? Risponde il sindaco: "Abbiamo trovato una soluzione ideale per chi vive nelle frazioni e non ha il parcheggio"
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
parcheggio foto castelveccanaSpett.le Direttore,
vorrei segnalare il caso di un Comune che ormai potrebbe essere rinominato “Il paese delle strisce gialle": questo paese è l’antico paese di Castelveccana formato da 12 borghi molto visitati tra cui Caldè, Ronchiano, Nasca, ecc.
Dal mese di giugno purtroppo questo paese è invaso da strisce gialle, per permettere la sosta ai soli residenti, tramite un abbonamento mensile. Per ottenere il permesso, si è dovuta fare una richiesta nei mesi scorsi. Quali sono stati i criteri per la scelta dei requisiti? Questo mi è ignoto.
Io settimanalmente vado a trovare i miei nipoti e, grazie a questo provvedimento a mio avviso illegale, purtroppo devo rinunciarvi per la mia avanzata età, perché per essere in regola, devo lasciare l'auto ad 800mt da mia figlia, mentre il Parcheggio C è a soli 50mt, ed inoltre la strada è in pendenza. Inoltre si proibisce in questo modo ai turisti di visitare i luoghi, e si proibisce di andare a trovare amici, parenti, e di poter degustare presso qualche trattoria o locale.
Vi allego le foto del (Parcheggio A di 10 posti, di cui 1 riservato ad invalidi), (Parcheggio B a 400mt dall'A di 13 posti tutti assegnati), di fronte 2 parcheggi di sosta oraria di 1h, ma sempre occupati, (Parcheggio C a 400 mt da B e 800 mt da A, di 14 posti assegnati più 2 di sosta oraria 1h sempre occupati).
Ho proposto che invece delle strisce gialle si poteva destinare ai residenti le strisce ble gratis o a pagamento equo, ed a pagamento per altri, ma non si può proibire di andare a trovare parenti, figli e nipoti, e amici.
Purtroppo credo che la questione parcheggi sia stata sfruttata dal Sindaco per far cassa, perché in effetti è una tassa mascherata, che i suoi concittadini che si vedono costretti a pagare per avere un loro diritto di essere proprietari di un’auto.
Audino Vincenzo
                             
                                                            * * * 

La doglianza del lettore è stata girata direttamente al sindaco di Castelveccana, Luciano Pezza che oltre a respingere le accuse del lettore di voler "fare cassa", spiega le motivazioni del provvedimento.
«Si tratta di una decisione maturata più di un anno fa - spiega il primo cittadino - . Diversi residenti espressoro il problema di non avere posti a sufficienza nel centro storico e di rischiare una multa anche per la sosta di una pausa pranzo di ritorno a casa. La soluzione scelta fu questa: obbligare i residenti delle frazioni a servirsi, per chi li possiede, di posti auto privati e dei box. Agli altri residenti è stata offerta la possibilità di servirsi di parcheggi a strisce gialle con un abbonamento annuale di 25-30 euro».
E per gli altri, come per il signor Audino? «Per gli altri c'è sempre la possibilità di parcheggiare nei posti pubblici, gratuiti e che abbiamno individuato al massimo a 300 metri dal centro delle frazioni: ci vuole un po' di pazienza e fare 5 minuti neppure a piedi. Ma questa soluzione, mi creda, ha risolto il poroblema di molti residenti»
(ac)

22/06/2012
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Dalla Home
Gnocco fritto o gorgonzola,
tutti presi per la gola Gnocco fritto o gorgonzola, tutti presi per la gola
Sabato brutto tempo, domenica migliora e spunta il sole. Anche questo fine setti ...
Carta sconto
anche per il diesel,
decide il Consiglio regionale Carta sconto anche per il diesel, decide il Consiglio regionale
Verrà presentato un ordine del giorno per impegnare la giunta ad estendere lo sc ...
"La nazionale Ucraina?
Dorme sul mio divano" "La nazionale Ucraina? Dorme sul mio divano"
La storia della famiglia Binda di Besozzo, che ospita in casa gran parte della f ...