Sei in: VareseNews / Gallarate/Malpensa / Un cantiere in alta quota per il Bivacco Città di Gallarate - 6/09/2011
 
Condividi su Facebook
Gallarate

Un cantiere in alta quota per il Bivacco Città di Gallarate

Nel cuore di agosto tre alpinisti - tra cui uno della sezione CAI cittadina - hanno risistemato il bivacco allo Jagerhorn a quota 3960 metri, inaugurato nel lontano 1957: una impresa fatta scontrandosi anche con il maltempo
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
Torna a risplendere nei monti il Bivacco Città di Gallarate allo Jagerhorn (3960 m). In questa estate, che sulle nostre Alpi è stata breve e perturbatissima, una finestra di bel tempo, giovedì 25 agosto, ha permesso all’elicottero Air Walser di portare i tecnici del CAI e la guida alpina di Macugnaga Fabio Jachini al ghiacciaio del Monte Rosa che permette di salire al Bivacco Città di Gallarate, altissimo e isolatissimo punto di sosta e di riparo in una delle zone più impervie e poco frequentate del Monte Rosa. Un altro volo ha portato in quota circa 400 Kg di materiali vari.
Gli alpinisti – tecnici Giovanni Bressan del CAI Gallarate, Alessandro Boxler e Fernando Micheli, di Macugnaga, con la Guida alpina, si sono messi subito al lavoro per mettere in sicurezza la stabilità del bivacco in lamiera: i ripetuti disgeli, il costante aumento delle temperature e il passare degli anni avevano scalzato dal basamento del bivacco numerose pietre tra quelle che formavano il basamento. Contemporaneamente si è pensato alla pulizia generale e alla riparazione del Bivacco stesso. Intanto, non smentendo la volubilità della situazione meteorologica che ha caratterizzato questa estate, il tempo volgeva al peggio, i tecnici-alpinisti sono rimasti per due giorni nel piccolo ambiente raccontandosi storie antiche e nuove di Macugnaga e del Monte Rosa. Per fortuna, all’alba di Sabato 27 Agosto, una quasi imprevista apertura delle nubi, il calare del vento e la prontezza di Roberto Sala, elicotterista Air Walser, hanno permesso i voli di rientro del gruppetto di persone e del materiale di risulta dell’operazione. Alle 8 di mattina, con caffè e cappuccini e telefonate agli amici del CAI, in piazza a Macugnaga si celebrava il rientro e il buon esito di un “lavoro” che per qualche aspetto è stato un po’ un’avventura.

Il Bivacco Città di Gallarate allo Jagerhorn fu inaugurato nel 1957, ai tempi della presidenza CAI di Arturo Buffoni che riuscì a motivare e coordinare un gruppo di guide macugnaghesi a compiere quella che fu; e rimane, una vera “impresa”, cioè trasportare e installa rate a forza di braccia e di spalle i quintali di materiale sulla cima dello Jagerhorn. Un numerosissimo gruppo di gallaratesi partecipò all’inaugurazione e l’avvenimento ebbe risonanza sulla stampa nazionale e svizzera.
6/09/2011
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Dalla Home
Il rave è finito, abbandonata la ex cartiera Il rave è finito, abbandonata la ex cartiera
Nella serata di domenica gli occupanti sono stati allontanati, la Questura confe ...
Unendo Yamamay all’inseguimento
di un sogno Unendo Yamamay all’inseguimento di un sogno
Dopo l’impresa di Treviso, Busto Arsizio può chiudere la serie con Conegliano lu ...
Omicidio Faraci, fermata la moglie Omicidio Faraci, fermata la moglie
I carabinieri di Varese hanno fermato nella notte Aita Melina, 64 anni pensionat ...