Sei in: VareseNews / Gallarate/Malpensa / Il Maga in rosso: nel 2011 una perdita di 58mila euro - 29/03/2012
 
Condividi su Facebook
Gallarate

Il Maga in rosso: nel 2011 una perdita di 58mila euro

La Fondazione che gestisce il museo chiude ancora in perdita: l'ex presidente Crespi a ottobre aveva annunciato il pareggio. L'amministrazione: "Le risorse stanziate dovranno bastare e serve una riduzione delle spese"
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
Il Maga chiude anche il 2011 in rosso, nonostante il contributo ulteriore stanziato dal Comune e nonostante le rassicurazioni dell'ex presidente Crespi che solo pochi mesi fa (a ottobre) parlava della previsione di pareggio di bilancio. Le cifre sono emerse in commissione bilancio e partecipate, in Comune: la Fondazione Zanella - che gestisce il museo d'arte di Gallarate - chiude con 58.615 euro di perdita. E il patrimonio  si è ridotto in pochi anni dai 700mila degli inizi a solo 47.436 euro. «Tra i ricavi, però, - ha subito precisato l'assessore al bilancio Alberto Lovazzano - è indicato anche il contributo straordinario e irripetibile dato dall'amministrazione a sostegno per spese straordinarie». Senza questo contributo, concesso pochi mesi fa, la perdita d'esercizio sarebbe stata intorno ai 320mila euro. «La situazione è preoccupante e secondo noi il difetto è strutturale: il Maga deve arrivare ad un equilibrio, perché i margini sono ristrettissimi».

Il Maga ha ricevuto più di 1,2 milioni di euro, tra contributo per l'esercizio (750mila), contributo alle mostre (200mila) e contributo straordinario per investimenti sui nuovi arredi (200mila euro). Eppure non sono bastati, anche le mostre hanno chiuso con un pesante deficit rispetto alle risorse messe a disposizione. Ecco perché ora dal titolare del bilancio arriva un (nuovo) richiamo: «La Fondazione Zanella dovrà avere due paletti ben precisi: dovrà raggiungere il pareggio di bilancio e dovrà coprire tutte le spese correnti con i 750mila euro del contributo». Il fatto è che la struttura ne spende oggi molti di più, in particolare per il personale (26 tra dipendenti e collaboratori): «Serve una cura dimagrante che sarà dolorosa, perché gran parte dei costi è per i dipendenti». In ogni caso serve un intervento deciso per recuperare la situazione, per questo l'amministrazione vuole «pestare i pugni sul tavolo per farsi capire». Il rischio? Che si finisca come nel caso della Fondazione, dove in passato si sono sommati debiti su debiti, fino a che la situazione è diventata drammatica.
29/03/2012
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Dalla Home
Maxi piogge,
ancora danni in provincia Maxi piogge, ancora danni in provincia
Crollano 20 metri di strada ad Angera. Nel Tradatese automobilista salvato in un ...
Dalla Schiranna
il secondo giorno di gare Dalla Schiranna il secondo giorno di gare
Il nostro liveblogging per seguire risultati, curiosità e tutta la nostra produz ...
Volontari cercansi 
per far risplendere il Rierùn Volontari cercansi per far risplendere il Rierùn
Un'antica imbarcazione verrà restaurata per testimoniare un momento di pesca col ...