Sei in: VareseNews / Italia/Mondo / Facebook e la cultura del Web - 27/07/2008
 
Condividi su Facebook
Internet

Facebook e la cultura del Web

Questa settimana L'Espresso dedica due importanti articoli alla Rete. Al centro il più diffuso social network del momento e una nuova proposta per la diffusione della Rete
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione

Questa settimana L'Espresso dedica due articoli alla Rete.
Il primo, nella sezione cultura, La Rete incantata riguarda il fenomeno di Facebook. Due firme illustri,
Derrick De Kerckhove e Vincenzo Susca, analizzano le caratteristiche del social network che con 40 milioni di utenti si sta affermando come il fenomeno di questi mesi.
"70 miliardi di pagine personali visitate alla settimana con una visita media di ognuina di esse di almeno 20 minuti... Facebook con i suoi gruppi familiari è adatto a stabilire nuovi legami profondi. Questi si dipanano sulla base del principio "gli amici dei miei amici sono miei amici".... Il sistema fa compiere un salto di qualità anche al Web, e in particolare ai blog".
I due autori chiudono il loro brillante articolo affermando: "qui non si vende alcuno spettacolo a nessuna audience. Qui l'utente è lo spettacolo".

Il secondo articolo, nella sezione tecnologia, e pubblicato anche sul blog
Piovono rane, tratta di Codice internet. E il web uscì dalla rete di Alessandro Giglioli presenta questa nuova proposta che in meno di due settimane ha già un migliaio di aderenti. "Il fine ultimo, - spiega Giglioli, -insomma, è creare una specie di “movimento culturale” in tutta Italia dove l’adesione al progetto di alfabetizzazione digitale sia vissuto come un impegno civile, se non politico (nel senso più lato del termine)".
Tutto è nato da Bruno Vespa. "Il testimonial, del tutto involontario: un clip tratto da “Porta a Porta” in cui il conduttore si frega le mani, guarda in camera e annuncia agli italiani che «Internet è un mondo assolutamente spaventoso». Del resto nella sua tirata televisiva contro Internet, alla fine Bruno Vespa ammette che la Rete gli fa spavento soprattutto perché non la conosce. Ecco, forse il problema è tutto lì".

dal Blog Maremma

27/07/2008
Tag Articolo
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Tag della settimana
Dalla Home
Varese si sveglia tardi
Derby nelle mani di Cantù Varese si sveglia tardi Derby nelle mani di Cantù
La Openjobmetis d'emergenza (fuori Diawara e Kangur) perde 91-83 salvando in ext ...
Apre al traffico l'A36. Maroni: 
"Pedaggio? Durante Expo paga la Regione" Apre al traffico l'A36. Maroni: "Pedaggio? Durante Expo paga la Regione"
Taglio del nastro nell'area di servizio di Mozzate per il primo tratto dell'auto ...
Sami Modiano: "Perché essere ebreo è una colpa?" Sami Modiano: "Perché essere ebreo è una colpa?"
Deportato ad Auschwitz dai nazisti insieme a tutta la comunità ebraica di Rodi, ...