Scuola | VaresNews Home Page

immagine di separazione
immagine di separazione

Busto Arsizio

Non paga il contributo volontario: la scuola lo mette in mora

Il Circolo Sinistra Ecologia e Libertà denuncia il caso di uno studente costretto a pagare il contributo di 140 euro. La preside: "Quei soldi sono necessari"

Commenti dei lettori: Commenti 12 Commenti | Scrivi il tuo commento Scrivi il tuo commento
immagine di separazione
immagine di separazione
PAGINA 1 2

12.    Scritto da: Claudia Reguzzoni 26/03/2010
Ma questa SIGNORA BOLIS sta diventando famosa per questi "episodi" come li chiama lei.. poi quasi incapace di sostenere una tesi, invoca in corner il "consiglio di istituto"..ma cavoli si assuma le SUE responsabilità e la smetta di gettare deiezioni sugli studenti! SOLLEVATELA DALL'INCARICO 3 casi conosciuti di malagestione (ce ne sono altri due non ancora denunciati) solo nel primo quadrimestre..e basta!!!!
11.    Scritto da: Max 26/03/2010
Conosco gli ingenti crediti che le scuole vantano dallo stato. Mancano soldi per la gestione quotidiana, ma i genitori, imbesuiti dalla propaganda, non riflettono sullo sconquasso che questi governanti creano nella scuola pubblica, se la prendono con i "contributi", non con gli enormi tagli da una parte e le elargizioni scriteriate al privato dall'altra.Le colpe sono solo degli statali scansafatiche lautamente retribuiti !!!
10.    Scritto da: Fabri 26/03/2010
a me non sembra giusto che le scuole siano costrette a chiedere i soldi ai genitori, se la scuola e' pubblica e' lo Stato che deve coprire tutte le spese necessarie, noi genitori abbiamo gia' tante altre spese a cui far fronte per i nostri figli e paghiamo regolarmente le tasse......
9.    Scritto da: Mascia 26/03/2010
IPC Verri rilascia anche la ricevuta fiscale e rendiconto dettagliato per come spende questi soldi? Veramente 140 euro per assicurazione, sapone e pagella sembrano un furto.
Per come sono gestiti i contributi volontari in certi casi dovrebbe far riflettere i genitori sull'opportunità di contribuire.
8.    Scritto da: lunedìnero 26/03/2010
Cominciamo allora a non chiamarlo CONTRIBUTO VOLONTARIO visto che siamo obbligati tutti da anni a versare questa cifra.
Almeno che nell'ambito dell'istruzione si chiamino le cose con il loro nome.
Volontario è quella cosa che se mi va la faccio altrimenti no e nessuno mi può obbligare.
Chiamala TASSA sarebbe più appropriato.
7.    Scritto da: PG 26/03/2010
12 o 13 euro al mese (considerati i 9 mesi dell'anno scolastico) rappresentano una cifra piuttosto contenuta a fronte dei mancati finanziamenti pubblici che nascono dalla precisa volontà di ridimensionare la scuola statale. Si pensi ai costi elevati di licenze sofrware,acquisto e manutenzione computers,materiale di consumo generico o specifico per le scuole tecniche,investimenti sulla sicurezza ecc..
Governo e Ministra Gelmini invitano studenti e famiglie a nozze, ma con i fichi secchi.
6.    Scritto da: lorella 26/03/2010
..figurati che io la mia associazione di categoria commercianti Gallarate, siccome ero in ritardo di 2 mesi circa su un pagamento (anticipato per il primo trimestre 2010) mi hanno scritto che se non pagavo entro il 30 del mese di marzo mi sospendevano tutti i servizi, !! ( 380€ )
Giusto..... ma per dirti che quando si tratta di soldi tutti passano sulla pelle di tutti e a parole sono bravi dicendo che... bisogna aiutare chi ha bisogno !!
Speriamo in un futuro migliore.
5.    Scritto da: scossiato 26/03/2010
La scuola in questione ha sbagliato, ma chi ha sbagliato a priori è chi ha tagliato i fondi alla scuola pubblica mettendo i dirigenti scolastici nella scomoda posizione di chieder fondi alle famiglie, ieri i presidi hanno chiesto al miur una risposta e a fronte di un debito di 1 mld di euro ( tra stato e scuole) il ministro ha detto che l'anno prossimo cercherà di darne l'1%. Ma come cercherà ?se io ho un debito posso renderne dopo un anno solo l'1%???
4.    Scritto da: Silvia 26/03/2010
Beh!se cominciassero ad impiegare meglio i soldi...nella scuola di mia figlia ci sono 6 dico 6 bidelli!!E di questi nessuno fà le pulizie perchè pagano un'impresa di pulizie che le fa!Ma si sa che il personale amministrativo - impiegatizio pubblico non si può toccare!!!!!
3.    Scritto da: Anna 26/03/2010
Forse se le scuole fossero meno fatiscenti si capirebbe di più dove vanno a finire i contributi dei cittadini..... Se ci fossero più attività, più aule, più scuole moderne (o rimodernate nel senso più ampio del termine) si giustificherebbero ancora di più. E per dove finiscono i beni e i soldi sequestrati alla mafia, basta guardare Striscia....

PAGINA 1 2

immagine di separazione
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
immagine di separazione
immagine di separazione
immagine di separazione
immagine di separazione