pubblicità
Sei in: VareseNews / Varese Laghi / Un tunisina alla guida della Lega Nord: "Il mio sogno è incontrare Bossi" - 10/03/2011
 
Condividi su Facebook
Malnate

Un tunisina alla guida della Lega Nord: "Il mio sogno è incontrare Bossi"

Hajer Fezzani è nata in Tunisia ed è arrivata in Italia 13 anni fa. Sposata con un guronese doc, fa l'operaia. Da oggi è coordinatrice della sezione del Carroccio commissariata
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
Non solo Sandy Cane. Dopo la sindaca di pelle nera a Viggiù, la Lega Nord cala l’asso della coordinatrice di sezione di origine islamica a Malnate. Si tratta di Hajer Fezzani: è nata in Tunisia ed è arrivata in Italia 13 anni fa. Sposata con un guronese doc, fa l'operaia in una ditta che lavora per l’ospedale di Circolo di Varese. Da oggi affianca il commissario Alessandro Vedani come coordinatrice della sezione in un periodo di traghettamento verso la normalità che sa tanto di investitura a futura segretaria: sarà lei a guidare il carroccio nel periodo elettorale dopo la bufera degli ultimi mesi in casa padana.
 
«Sono arrivata 13 anni fa con la legge Bossi-Fini con un regolare contratto di lavoro – spiega -. Da due anni ho la tessera della Lega Nord, un partito del quale condivido ideali e passione politica. Mio marito è da sempre un simpatizzante, ma non fa politica attiva né ha la tessera. Io l’ho presa perché sono convinta che gli ideali e le battaglie leghiste possono aiutare tutta la comunità». La sua famiglia è di tradizione islamica, ma Hajer Fezzani dichiara di voler superare questi steccati e di pensare con la sua testa: «L’origine di ognuno non si può cancellare, ma credo che ognuno abbia il diritto di evolversi e scegliere con la propria testa. Io non sono praticante e rispetto tutti coloro i quali credono in qualsiasi religione. Mio marito è cattolico, non ne abbiamo certo fatto una questione di religione». La Lega Nord è un movimento che fa dell’identità e della padanità i valori fondanti, ma Hadjer Fezzani non si è mai sentita discriminata, anzi: «Non ho mai avuto problemi – dichiara -. Quando mi sono tesserata, mi hanno accolto benissimo. Io non ho pregiudizi e non ne ho trovati nei miei confronti. Ci sono molti che predicano l’integrazione e poi sono razzisti nel privato: chi invece ha il coraggio di dire cose scomode ha il mio rispetto. La Lega non è razzista, tanto meno lo è la gente della Lega. Ho accettato questo incarico con entusiasmo per il bene della sezione della Lega di Malnate, che voglio cresca negli iscritti e abbia il giusto successo alle prossime elezioni. I valori nei quali credo e che mi hanno convinto a far parte del movimento sono la salvaguardia del territorio, la sicurezza e le tradizioni».
 
Hajer Fezzani è tunisina e ha vissuto la “rivoluzione” del Maghreb da lontano: «I miei sono a Tunisi – spiega –. Li sento ogni giorno. La situazione ora è tranquilla, un po’ di apprensione c’è stata, ma dove abitano loro, a Nord della capitale, vicino al palazzo presidenziale, sul mare, non ci sono stati scontri. Qualche corteo pacifico sì: credo che l’aspirazione alla libertà sia un diritto, ogni dittatura è sbagliata e va combattuta. Non avendo vissuto in prima persona le vicende delle ultime settimane però non posso dare un giudizio obiettivo. Posso solo dire che ora il lavoro c’è e la situazione è più serena». Sabato prossimo (il 12 marzo alle 11 in via Carducci) inaugura la nuova sede del Carroccio e ci sarà, oltre alla candidata sindaco Elisabetta Sofia, anche il ministro dell’Interno Roberto Maroni: «Lui l’ho già conosciuto all’inaugurazione dello Sci Club – chiosa Hajer Fezzani -. Il mio sogno con la “S” maiuscola è di conoscere di persona Umberto Bossi. L’ho visto più volte a Pontida, ma incontrarlo sarebbe veramente il massimo per me».
10/03/2011
» Varese
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Tag della settimana
Dalla Home
Troppo smog: stop
alle auto vecchie e giù
i caloriferi di un grado Troppo smog: stop alle auto vecchie e giù i caloriferi di un grado
Lo decide Palazzo Estense dopo lo sforamento dei livelli di polveri fini nell’ar ...
Colpo di scena a Palazzo,
si spacca l'Ncd Colpo di scena a Palazzo, si spacca l'Ncd
Nella notte scatta l'operazione politica. L'assessore Angelini passa con Forza I ...
Rivive dopo 30 anni
la salita al Sacro Monte
di Papa Giovanni Paolo II Rivive dopo 30 anni la salita al Sacro Monte di Papa Giovanni Paolo II
Dal 2 novembre sarà aperta al pubblico una singolare mostra "open air" sul Viale ...