pubblicità
Time Motors
Sei in: VareseNews / Varese Laghi / Prezzi dei pullman, resta tutto invariato - 2/01/2007
 
Condividi su Facebook
Varese

Prezzi dei pullman, resta tutto invariato

I gestori delle linee che vengono ingoblate dalla Sila lo avevano detto: i biglietti per Morosolo, Azzate e Bisuschio restano a fascia chilometrica
Ingrandisci testo Riduci testo  |   Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
immagine di separazione
Lo avevano detto i gestori delle linee dei pullman: il prezzo del biglietto non cambierà. Avevano ragione loro: le nuove linee gestite dalla Sila (M per Morosolo, D per Azzate ed L per Bisuschio) rimangono a tariffa chilometrica, quindi non cambierà nulla. Lo hanno appreso i clienti che si sono recati ai botteghini per fare l’abbonamento mensile: stando a quanto dichiarato in conferenza stampa dall’assessore Binelli, il prezzo del biglietto delle nuove linee griffate Sila (anche se la livrea del nuovo gestore non comparirà sui bus subito) sarebbe stato assimilato dal 1 gennaio a quello in vigore in città, passando quindi da 1,30 ad 1 euro a corsa. Per un cliente che deve fare un doppio abbonamento, che abita ad esempio a Masnago e deve andare a lavorare a Bisuschio, sarebbe stato un risparmio considerevole, dato che l’abbonamento cittadino alla Sila consente di prendere qualsiasi linea urbana al prezzo di 24 euro. Stando alle dichiarazioni dell’assessore Binelli, sarebbe stato sufficiente questo, mentre, purtroppo per gli utenti, avevano ragione i gestori delle linee (Giuliani e Laudi e Autolinee Varesine): servirà infatti un supplemento di 7,50 euro per raggiungere Bisuschio (per seguire l’esempio, ma sarà così anche per tutte le altre destinazioni), considerata dalla normativa regionale linea extraurbana, seppur con indicazione e orari stabiliti dal gestore cittadino. Il Comune con l’attivazione delle tre “nuove” linee può attivare tutti i controlli sull’azienda che ha vinto l’appalto per la gestione del servizio di trasporto urbano: il contratto d’appalto (quello con il Consorzio Trasporti Pubblici dell’Insubria è il più oneroso per Palazzo Estense con un totale di 27.824.000 euro per sette anni di accordo, circa 4 milioni all’anno) entra infatti a pieno regime con la gestione attraverso Sila del trasporto verso tre centri immediatamente a ridosso della Città Giardino. In sostanza per gli utenti l’unica cosa che cambia è che le nuove linee effettuano stop lungo tutto il tragitto, cosa che prima non veniva fatta: i bus si fermavano infatti solo al capolinea e nelle fermate prestabilite, mentre ora seguiranno il percorso delle linee urbane, fermandosi anche in città. Vantaggi in termini di prezzo, invece, non ce ne sono.
2/01/2007
Tag Articolo
» Varese
Multimedia
VareseNews TV Gallerie fotografica VareseNews Radio VareseNews Podcast
Tag della settimana
Dalla Home
Si completa la "rivoluzione":
il pronto soccorso
cambia marcia Si completa la "rivoluzione": il pronto soccorso cambia marcia
Si stanno avviando i nuovi servizi pensati per alleggerire la pressione sul PS d ...
Masterplan Piazza Repubblica,
la Provincia blocca tutto Masterplan Piazza Repubblica, la Provincia blocca tutto
Oggi nessuna firma. Villa Recalcati ha chiesto del tempo per effettuare una valu ...
Ladri di biciclette:
bottino da 200 mila euro Ladri di biciclette: bottino da 200 mila euro
I ladri hanno fatto razzia nel capannone che ospita la sede della squadra profes ...